torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Las Rosas"

al Teatro Due di Roma


Teatro Due Roma teatro stabile d'essai Vicolo dei due Macelli, 37 (M Piazza di Spagna) - Tel. 06/6788.259 – fax 06/6793.349 teatrodueroma@virgilio.it - www.teatrodueroma.it

ANCORA IN SCENA FINO AL 31 MARZO 2013 IL BALLETTO DI SPOLETO Progetto Danza da Camera presenta

Las Rosas

concerto per García Lorca Spettacolo concerto in danza e videografie un progetto di Caterina Genta e Marco Schiavoni Balletto di Spoleto - visual performing arts

Caterina Genta voce, canto, elaborazione dei testi, danza Marco Schiavoni pianoforte e chitarre, videografie

La manifestazione è realizzata con il sostegno di Roma Capitale - Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico

Lo spettacolo prende vita da un progetto di Caterina Genta e Marco Schiavoni del Balletto di Spoleto visual performing arts. In scena Caterina Genta voce, canto, elaborazione dei testi e danza, Marco Schiavoni al pianoforte e chitarre è anche autore delle videografie.

L’evento si avvale del patrocinio della Città di Spoleto, del sostegno di Roma Capitale Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, del contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con TeatroDueRoma teatro stabile d'essai.

Il concerto “Las Rosas” è parte del "Progetto Lorca", un'idea di Marco Schiavoni nata dall'incontro con Caterina Genta che da anni lavora ispirandosi all'opera del grande poeta. L'occasione stessa che ha dato inizio alla collaborazione tra Caterina Genta e Marco Schiavoni è stata l'ottimizzazione del cortometraggio "Il maleficio della farfalla" dall'omonimo testo di Lorca (già nel 1998 Caterina Genta scopriva la bellissima commedia di Lorca, ambientata in un mondo popolato da insetti, per trarne uno spettacolo di danza-teatro). Le musiche originali del cortometraggio sono melodie inventate dalla Genta sui testi della commedia di Lorca. Queste melodie diventano il primo nucleo del progetto musicale "Las rosas de mayo", disco e concerto in omaggio al mondo poetico del grande spagnolo. Contemporaneamente Schiavoni e Genta iniziano a lavorare al testo surrealista "Asi que pasen cinco anos" e creano lo spettacolo multimediale "Di qui a cinque anni", rappresentato dal 2006 e nel 2009 ospite della Real Academia di Spagna in Roma. Nel 2010 la rivista Signa, Centro de Investigación de Semiótica Literaria, Teatral y Nuevas Tecnologías (Università di Madrid) dedica un articolo di ventidue pagine allo spettacolo.

In questa nuova edizione del concerto “Las Rosas” si è cercato ancora di più di unire, in un insieme armonico e coinvolgente, musica, danza e immagini. La parola poetica di Federico García Lorca viene interpretata attraverso i linguaggi della musica, della danza e dell’arte visiva. Le poesie sono cantate da Caterina Genta in lingua originale; in parte recitate in italiano, in parte danzate in un contesto videografico che amplifica le suggestioni e le immagini della parola poetica. Nel video, oltre alle immagini, scorrono le parole delle poesie tradotte in italiano. Marco Schiavoni, compositore e polistrumentista, veste queste semplici melodie cantate con sonorità e armonie contemporanee per dare alla musica un aspetto multiforme, con atmosfere andaluse, cromatismi e ritmi metropolitani. Gli arrangiamenti spaziano dal classico pianismo espressionista alla canzone popolare.

Balletto di Spoleto E’ una compagnia di danza contemporanea riconosciuta e finanziata dal Ministero dei beni e delle attività culturali, fondata a Spoleto nel 1992 da Fiorenza D’Alessandro. Da gennaio 2011 la compagnia ha iniziato una nuova fase riportando, grazie alla disponibilità dell’imprenditore Sandro Tulli, la sua sede a Spoleto sotto la presidenza di Marco Schiavoni e la nuova direzione artistica di Caterina Genta. Il nuovo BdS si avvale di collaborazioni nazionali ed internazionali (Compagnia Cie Blicke di Strasburgo, Duncan 3.0 Centro Romano Arti Performative, Compagnia Ariella Vidach, Compagnia Vera Stasi, Centro Regionale Danza Umbria, Festival La Ma Ma Spoleto Open, Novecento Festival). La compagnia insiste sulle molteplici possibilità di contaminazione tra i diversi media artistici sulle sinergie tra autori, interpreti, pubblico. Viene dato spazio ai linguaggi performativi, alle arti visive, alla sperimentazione e ricerca, a tematiche relative al rispetto dell'ambiente e a questioni etiche urgenti. I due artisti, che lavorano insieme dal 2006, aperti alle contaminazioni e alle collaborazioni, hanno creato nel 2011 per il bds lo spettacolo "7 coreografi per il balletto di spoleto" collaborando con Luca Bruni, Max Campagnani, Luciano Cannito, Renato Greco, Walter Matteini, Dino Verga. Lo spettacolo è andato in scena, in prima Nazionale l'8 Ottobre 2011 al Teatro San Nicolo di Spoleto, inserito nel cartellone dell'Anno Menottiano, rassegna di eventi patrocinati dal Comune di Spoleto per celebrare i cento anni dalla nascita del Maestro Gian Carlo Menotti, fondatore del Festival dei Due Mondi. Nel 2012 la produzione è stata inserita nel circuito dello Stabile dell'Umbria. Nel 2012 la nuova produzione Ipotesi Gaia di Caterina Genta e Marco Schiavoni è stata inserita, come di consueto, nel cartellone della Rassegna Fontanone Estate e sarà in scena in Ottobre a Spoleto al Teatro San Nicolò. Il BdS fa parte del comitato artistico del Festival La Ma Ma Spoleto Open 2012 ed è stato invitato a partecipare al trentesimo Festival Internazionale Nuova Danza di Cagliari 2012.

articolo pubblicato il: 26/03/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it