torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

elzevirino
se ci sei, batti un colpo

dove sei finito, voto cattolico?

di Luigi Delli Stanghi

Dario Fo, da Lilli Gruber, ha affermato che il voto al Movimento 5 stelle è venuto da giovani di sinistra. Fo è un grandissimo scrittore ma anche uno sclerotico leninista; fa finta di non sapere che una larghissima parte dei voti al movimento di Beppe Grillo è arrivata da destra e da gente che giovane forse lo è di spirito ma non certo a rigor d’anagrafe.

Quello che pochi o punto commentatori hanno detto è dove sia finito il voto dei cattolici.Che possa piacere o meno, l’Italia è in competizione con l’Irlanda e la Polonia per numero di cattolici; diciamo che ciò possa non piacere affatto a qualcuno che legge un quotidiano laico assiso ad un tavolino di un bar di lusso, ma questa è la profonda provincia italiana.

Il voto dei cattolici, o per lo meno di molti di loro, è finito dove mai si sarebbe immaginato che finisse, in molti casi tra i grillini, così tanto per fare dispetto. Lasciamo perdere la storia di quello che voleva fare dispetto alla moglie, per favore. Tanti cattolici hanno voluto fare dispetto ad un Monti che si è imbarcato con gente impresentabile come Bocchino, a un Bersani che si è alleato ad una faccia come quella di Tabacci, legata a sua volta ad un’altra come quella di Donadi . Ma soprattutto ad un Berlusconi che aveva promesso un ripulisti generale ed è finito col candidare gente come Carraro, come Carfagna o come altre figure impresentabili. Tutto qui.

Se poi pensiamo che il Santo Padre si è dimesso perché non aveva più le forze per governare un ambientino come la Curia, di che cosa stiamo parlando?

articolo pubblicato il: 27/02/2013 ultima modifica: 10/03/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it