torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
"Plagi"

alla Globalart di Noicattaro


"Plagi"

Rassegna Artistica Internazionale A cura dello staff GLOBALART Vernissage sabato 2 marzo 2013 ore 19:00

Presentano Carlo Stragapede e Valeria Mari Intervengono Rosa Didonna e Sabrina Delliturri Vito Giuss Potenza e Roberto Pascale con Coloratatv Omaggio della serata inaugurale sarà dell'artista Ivan Piepoli

Il musicista\compositore Ivan Piepoli nel live STOLEN propone un riarrangiamento di una serie di brani, attraverso un progetto di cover utili a designare il profilo culturale in materia di musica dell'artista stesso. La selezione segue un saltuario ordine cronologico e concerne uno spaziare non casuale tra molteplici generi ed epoche musicali, con una non celata e clinica cernita, che Piepoli strumentalizza per esprimere più che evidenti preferenze ai toni più cupi e ai suoni più ricercati, e sicuramente meno noti, della storia della musica contemporanea. Conforme decisamente alla tematica del plagio è l'idea di cover in sé, seppur preveda precise e decise reinterpretazioni nonché modifiche, per tanto la performance ben s’inserisce nel contesto della rassegna La rassegna sarà visitabile dal 2 marzo al 6 aprile 2013.

In occasione del finissage sarà effettuata la premiazione. Durante l’esposizione saranno pubblicati i nomi dei giurati.

ARTISTI Frantz Jean Baptistse, Nicola De Benedictis, Caroline Brems, Antonietta Aida Caruso, Cinzia Coratelli, Antonella de Marinis, Caterina Dell’Edera, Ketty Di Bari, Palma Di Bello Mingozzi, Bartus Bartolomes, Ansgar Dressler, Maria Rosaria Esposito, Roberto Fatiguso, Silvio Fortebraccio, Cristina Flaviano,Angelo Galatola, Giusy Giorgianni, Alessandro Intini, Mimmo Mastromarino, Mawr Morandi, Nikka,Anna Nuzzo,Piero Roca, Raija Kuisma, Adalgisa Santucci, Aniello Saravo, Antonella Spadavecchia, Rafy Shemesh, Franco Scalese Urciuoli, Stefania Verderosa, Maria Karzi, Maria Caterina Zecchini, Maria Zimari,

Plagi, dedicato al topos storico-artistico-letterario che ripercorre e trapassa tutta la tradizione culturale della storia umana: la copia. La rassegna è aperta ad artisti maggiorenni di qualsiasi nazionalità senza limiti di età. Ogni artista potrà partecipare con una o due opere. La legge ha, da un certo momento, esorcizzato questa ‘consuetudine’, trasformandola, denigrandola e, poi, considerandola in veduta negativa come il ‘plagio’.

Si guardi al filone che lega la letteratura antica: da Omero a Saffo, passando per Catullo e per il ramingo Ugo Foscolo, non si può prescindere dal riconoscere una certa propensione allo “scopiazzare”, un rifacimento letterario che inevitabilmente risultò e risulta comodo perché la grande materia pretrattata non può non riscuotere un successo che a monte è già certificato. Trattasi di una forma ossessiva di gelosie verso il patrimonio, una umanistica inclinazione a conservare ciò che è di comune uso o di libero accesso a tutti.

Il filoso-poeta greco Archiloco fu diretto nella definizione di questa pratica e usanza: “E’ necessario percorrere una strada già battuta, perché quella è la strada più sicura”.La storia dell’arte è, se vista autonomamente, nient’altro che la transizione reale e pratica di questo antico enunciato; l’evoluzione metodica e concettuale è solo la versione positivistica di quella che l’interpretazione dell’atto del copiare (che può negli svariati casi di applicazione, anche essere una storpiatura, una caricatura, un calco, un ingigantimento, etc).

Stranezza da geni o terrore di sbagliare? La citazione è legittima, perché l’arte per l’arte è sublime e diffama la “conservazione dimenticata”. Rapportarsi ad un ‘grande’, però, è un gesto che concede di inciampare in una costante difficoltà: il confronto.

“La Rassegna PLAGI” si propone uno schietto e complesso obiettivo: il rifacimento contemporaneo, contestualizzato e personalizzato, di un’opera conosciuta ai più. Una versione moderna di ciò che non può che restare eternamente moderno e mai attuale, ossia una meta poiesi prosimetrale di larghe vedute e strettissime reinterpretazioni.
GALLERIA GLOBALART- Via Ugo Foscolo 29- 70016 Noicattaro (Bari) 0804782863 -

articolo pubblicato il: 23/02/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it