torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Elephant man"

al Teatro Ghione di Roma


Compagnia Molière con il patrocinio della REGIONE VENETO

Ivana Monti Daniele Liotti Rosario Coppolino con la partecipazione di Debora Caprioglio con Andrea Cavatorta, Francesco Cordella, Serena Marinelli, Simone Vaio

ELEPHANT MAN

di Giancarlo Marinelli tratto dall’omonimo racconto di Frederick Treves

regia Giancarlo Marinelli scene Andrea Bianchi/Forlani costumi Marta Crisolini Malatesta light designer Daniele Davino la maschera dell’uomo elefante è realizzata da Sergio Stivaletti

“Io non sono un animale ! Sono un essere umano ! Sono... un... uomo” (J. Merrick) Uno spettacolo sull’umanità, la dignità e il dolore che si nasconde sotto una maschera mostruosa. The Elephant man non è soltanto un capolavoro della cinematografia firmato da David Lynch. E’ soprattutto un racconto perfetto, quasi in presa diretta, di un giovane chirurgo, Frederick Treves, che salvò l’Uomo Elefante, al secolo Joseph Merrick, dalle torture dei freak show della Londra di fine Ottocento.

Perché portare in teatro la vera storia di Jopeph Merrick, mettendola in scena, per la prima volta, in un vero spettacolo di prosa? E’ presto detto; in un momento storico come quello attuale in cui l’estetica del corpo, della “bellezza a tutti i costi”, sono divenuti un motivo perpetuo ed ossessivo, non senza conseguenze finanche drammatiche, (si pensi ai danni provocati dalla chirurgia estetica, o a patologie impulsive e compulsive letali come la bulimia e la anoressia), portare sulla scena una storia d’amicizia tra un brillante ed ambizioso chirurgo e “un mostro apparente”, capace però di regalare agli altri un universo di poesia e di bellezza, significa sovvertire il putrido sistema di vuote apparenze, di fasulle perfezioni, di oscene ostentazioni artificiali a cui siamo ormai assuefatti: la storia di Joseph Merrick è in fondo la storia della nostra ipocrisia, del nostro proverbiale rifiuto ad accettare “l’altro da noi”; della nostra ostinata impotenza ad “andare oltre” il corpo, per rinchiuderci stomachevolmente in una tanto rassicurante quanto inutile culto della bellezza omologata. Ché la vita di Jospeh Merrick è la vita di ognuno di noi; la tensione di ciascuno ad essere amato non tanto per ciò che è ma per ciò che avrebbe voluto essere. Ché la morte di Jospeh Merrick è la morte di ognuno di noi; è il sogno di poter lasciare la terra nel ricordo di chi ci ha amati perché, al di là della “mostruosità” dei nostri luoghi oscuri, esiste sempre una luce eterna, che ha lo stesso tempo di riproduzione di una stella. Appartiene ad ogni uomo che, provando a dormire in modo diverso, ha cercato, in una notte di secoli che si ripetono, di essere migliore.

Dal 7 al 17 febbraio 2013 al TEATRO GHIONE di Roma
Via delle Fornaci, 37, 00165 Roma - Telefono:06 637 2294 Dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 17 biglietti da 25,00 a 20,00 euro Lo spettacolo sarà in tournée fino a maggio

articolo pubblicato il: 01/02/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it