torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cultura
I Castelli provinciali si difendono bene

Cultura in Trentino

di Sergio Gigliati

I CASTELLI PROVINCIALI SI DIFENDONO BENE
Quasi 270mila le presenze registrate nel 2012 nei quattro castelli provinciali del Trentino. Segno molto positivo per Castel Beseno (+ 22%) e per il Castello di Stenico ( + 16%), tiene il Buonconsiglio, calo “fisiologico” invece per Castel Thun. Conclusa la mostra dedicata ai fratelli Francesco a Antonio Guardi con quasi 32mila presenze.

Nonostante la crisi e la recessione economica che sta ancora vivendo il nostro paese, l’offerta culturale proposta nel 2012 dal Castello del Buonconsiglio e dalle sedi periferiche del Castello di Stenico, Castel Thun e Castel Beseno ha ottenuto un buon successo di pubblico che fa ben sperare per il 2013. L’anno appena trascorso si è infatti concluso con quasi 270mila presenze complessive. Ottimo il numero registrato a Castel Beseno che, grazie anche al nuovo allestimento museale, è stato visitato da oltre 42mila persone ed ha fatto segnare un + 22% rispetto al 2011. L’aver ospitato parte della mostra “I cavalieri dell’Imperatore” si è rivelata strategia vincente e molto apprezzata dal pubblico. In primavera nel maniero fortificato più grande della regione saranno programmate aperture straordinarie per presentare le ultime novità del nuovo allestimento che potrà contare su scenografie, filmati e postazioni multimediali di grande impatto. Molto visitato nel 2012 è stato anche il Castello di Stenico nelle Giudicarie, con oltre 21mila presenze e un + 17% rispetto all’anno precedente. Il maniero, completamente rinnovato pochi anni fa, conquista il pubblico grazie alle numerose collezioni d’arti applicate che ne fanno un “unicum” nel panorama castellano del Nord Italia. Si mantiene praticamente sui dati del 2011 il Buonconsiglio che, con le sue 112mila presenze, ha visto un leggero segno negativo del 6%, dovuto anche al caldo torrido di agosto, mese con la massima concentrazione di turisti in provincia. Stando ai dati della recente indagine redatta dall’Osservatorio Provinciale per il Turismo in occasione della mostra “Le grandi vie delle civiltà” il richiamo delle mostre temporanee unite al fascino del castello si rivela come principale motivazione di visita.
Intanto domenica 6 gennaio 2013 si è conclusa al Castello del Buonconsiglio la mostra “Francesco Guardi nella terra degli avi” , rassegna che per un mese ha convissuto con la grande esposizione “I cavalieri dell’ Imperatore” ottenendo un buon successo di pubblico con quasi 32mila presenze. Castel Thun, nonostante il fisiologico calo dopo l’ inaugurazione del 2010 ( - 16%), si mantiene tra i castelli periferici più visitati con oltre 91mila presenze.

articolo pubblicato il: 08/01/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it