torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
addio alla benefattrice

Gorbaciov saluta la professoressa Levi Montalcini


Gorbaciov saluta la professoressa Levi Montalcini: «Addio a uno dei più grandi benefattori del mondo»

«La fine del 2012 è stata segnata dalla scomparsa di uno dei più grandi benefattori del mondo, che ha aiutato l’umanità in molti modi. Una scienziata che con il suo lavoro ha ispirato i giovani, soprattutto in Italia, a proteggere l’ambiente, lasciando un’eredità duratura». Nel giorno dei funerali pubblici di Rita Levi Montalcini, il presidente fondatore di Green Cross Mikhail Gorbaciov ricorda l’amica che si è spenta il 30 dicembre scorso. «La professoressa è stata una cara amica di Green Cross e per il suo supporto saremo sempre grati e onorati - continua Gorbaciov. Mentre siamo addolorati per la sua morte, ci sentiamo immensamente fortunati di poter continuare a beneficiare della sua opera, delle sue parole e del suo esempio».

Premio Nobel per la medicina nel 1986, la scienziata si era schierata fin da subito al fianco di Green Cross nella promozione di numerose iniziative a favore dell’educazione e della sostenibilità ambientale. Tra i consiglieri del presidente Gorbaciov, la professoressa è stata anche presidentessa onoraria di Green Cross Italia e componente del board di Green Cross International.

«Non possiamo dimenticare l’entusiasmo e il coinvolgimento con i quali Rita Levi Montalcini ha appoggiato la nostra associazione fin dalle prime battute, condividendo con noi l’impegno per la tutela dell’ambiente e dei diritti sociali - ricorda Guido Pollice, fondatore di Green Cross Italia -. Nel 1998 si è adoperata con molta determinazione perché la cerimonia di inaugurazione della filiale italiana si tenesse nella sala Igea dell’Istituto dell’Enciclopedia italiana-Fondazione Treccani a Roma, che lei stessa aveva presieduto fino a poco tempo prima».

«Quando il corpo muore, come lei stessa diceva, sopravvive quello che hai fatto, il messaggio che hai dato», dichiara il presidente di Green Cross Italia Elio Pacilio. «E di messaggi la professoressa ce ne ha lasciati tantissimi. Ha rappresentato un ponte tra molti campi e percorsi di vita: scienza, natura, politica. Ed è stata un modello e un esempio straordinario per le donne e per chi crede nei suoi sogni e lotta fino alla fine per realizzarli».

Il board di Green Cross ricorda l’energia, la determinazione, la compassione e il fascino, alcune delle doti principali della professoressa. Il presidente esecutivo e il chairman di Green Cross International, Alexander Likhotal e Jan Kulczyk, porgono un infinito grazie alla Montalcini per l’operato che ha svolto nel corso della sua esistenza: «Il suo lavoro ha giocato un ruolo fondamentale nel mondo scientifico internazionale e sul piano dell’impegno sociale e politico in Italia - afferma Alexander Likhotal -. Come medico, ricercatrice e ambientalista, Rita Levi Montalcini è stata e rimarrà un modello per l'Italia e per il resto del mondo».

articolo pubblicato il: 02/01/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it