torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
David LaChapelle

al Lu.C.C.A.


«Posso fare qualunque cosa. Se lo vedo nella mia mente riesco a ricrearlo. Amo il fatto che sia teatrale e collaborativo». David LaChapelle

«L’uomo ricorre alla vanità per mascherare le proprie insicurezze, per combattere un’inadeguatezza esistenziale, per farsi notare e per farsi accettare dalla società». Maurizio Vanni

Una grande mostra dedicata a uno degli artisti della fotografia più importanti a livello internazionale, David LaChapelle, divenuto leggendario per la sua stravaganza e la sua originalità, sarà esposta al Lu.C.C.A. - Lucca Center of Contemporary Art dal 29 giugno al 4 novembre 2012. La mostra a cura di Maurizio Vanni è prodotta da Arthemisia Group in collaborazione con Lu.C.C.A. - Lucca Center of Contemporary Art. Il nuovo museo, all'interno dello storico Palazzo Boccella nel cuore della città di Lucca, si è da tre anni affacciato al mondo dell’arte moderna e contemporanea in modo intraprendente e sensibile, lungimirante nella presentazione dei propri eventi, rivelatrici di conoscenze e memorie come le mostre Jean Dubuffet e l’Italia, State of Mind: Minimal Art/Panza Collection e Carte rivelatrici. I tesori nascosti della Collezione Peggy Guggenheim da poco conclusasi con grande successo. La sua attenzione è rivolta anche alle nuove forme di comunicazione artistica, in particolare alla fotografia cui dedica ogni anno un evento. Fino ad ora sono state presentate al pubblico le mostre su Man Ray, Steve McCurry e Michel Comte. Quest’estate il Lu.C.C.A. presenterà la prima tappa del tour italiano dedicato a David LaChapelle, che sarà l’evento clou della stagione. Riuniti 53 scatti del geniale fotografo, che racconteranno il percorso antologico della sua produzione attraverso 10 serie quali: Star System, Deluge (Awakened), Earth Laughs in Flowers, After the Pop, Destruction and Disaster, Excess, Plastic People, Dream evokes Surrealism, Art References e Negative Currency.

L’artista Nato a Fairfield l’11 marzo 1963, è attivo nei campi della moda e della fotografia. Noto per il suo surrealismo, è considerato uno dei fotografi più intuitivi di tutti i tempi. La sua carriera da professionista è iniziata negli anni Ottanta collaborando con alcune gallerie: la sua prima mostra si è tenuta nel 1984 alla Galleria 303 di New York. Poco dopo, David LaChapelle ha accettato di collaborare con la rivista “Interview”, magazine fondato da Andy Warhol. Così la prima opportunità di David LaChapelle è arrivata da un grande artista e scopritore di talenti che gli ha aperto la porta principale di un nuovo universo tutto da scoprire: l’editoria. Nel corso della sua professione, LaChapelle ha scattato cover e servizi speciali per riviste come “Vanity Fair”, “GQ”, “Vogue”, “The Face”, “Arena Homme”, “Rolling Stones” e collaborato con aziende quali Tommy Hilfiger, Condé Nast, Nokia, L’Oréal, H&M, Burger King e Diesel. LaChapelle non è il fotografo dello scatto rubato, non è l’artista che vive con la macchina fotografica al collo in attesa di un evento straordinario da immortalare, non è il reporter che rischia la vita per regalare l’attimo prima di qualcosa che cambierà il mondo. È semplicemente un sismografo del proprio tempo che rende evidenti concetti e considerazioni attraverso scatti concepiti come fossero grandi dipinti. In molti suoi lavori l’approccio è più da pittore tradizionale che da fotografo. Egli non aspetta il momento speciale, ma lo inventa o lo pianifica, magari bloccando l’intuizione con il disegno o dipingendone una bozza con gli acquarelli. Così crea un suo personalissimo set con gli scenari che ha ben chiari in mente cercando di realizzare qualcosa di esclusivo, ovvero fotografare ciò che razionalmente non sarebbe considerato fotografabile.

La mostra La mostra è suddivisa in dieci sezioni tematiche e propone le serie fotografiche di LaChapelle la cui scelta degli argomenti rispecchia il suo desiderio di raccontare, creando un palinsesto dove sistemare le figure proprio come un pittore che prepara, con dovizia e attenzione maniacale, una scena dal vivo prima di disegnarla. La prima serie è Star System, che esplica come l’immagine pubblica di un personaggio famoso non solo si sovrapponga alla sua vera identità, ma ne condizioni pesantemente il rapporto con le persone e con le cose in ogni momento della sua vita. LaChapelle, nella serie dedicata alle persone note provenienti dal mondo della musica, della moda e del cinema, accende i riflettori su vizi, passioni e fobie di artisti che non possono più permettersi di avere una vita privata. Pose ammiccanti ed esibizioni giocose mescolano sensualità, ironia e gusto kitsch. Come in Elton John: Egg on His face dove la star, in un’ambientazione particolarmente umile, ha le uova della sua colazione sugli occhi, mentre mantiene una postura solenne; mentre in Lady Gaga: Metropolis, la cantante sembra essere la protagonista di uno spot pubblicitario per un concerto su un altro pianeta e invece nell’opera dedicata a Paris Hilton, la sua esplosiva bellezza esaltata da luci teatrali e dai fumi tipici di un concerto rock ricorda che tutto ha un prezzo. La seconda serie intitolata Deluge è un monito a una società diventata vittima delle sue stesse regole, imprigionata dalle consuetudini non scritte che devono essere rispettate da coloro che cercano di ritagliarsi un effimero posto al sole. Da questo concetto della realtà, scaturisce un lavoro come Cathedral, dove un gruppo di persone di età differenti pregano dentro una chiesa immersa nell’acqua. Una vera e propria “neo-Apocalisse”, dove l’acqua – simbolo di sorgente di vita e centro di rigenerazione – mina la solennità dei luoghi sacri dello sfarzo e purifica la società dai vizi. Questa serie nasce dallo studio di LaChapelle della Cappella Sistina, che porterà l’artista ad accentuare il suo approccio pop e a rivedere, in chiave contemporanea – oltre ad alcune scene del capolavoro di Michelangelo – alcuni momenti fondamentali dell’arte del passato. Ai fiori è dedicata la terza serie Earth laughs in Flowers, un interessante percorso che arriva dalla conoscenza dei grandi maestri del passato. Il titolo è tratto dal poema Hamatreya di Ralph Waldo Emerson, in cui i fiori corrispondono alla risata della terra contro l’arroganza, l’ignoranza e la prepotenza degli esseri umani. Ne conseguono lavori che si trasformano in racconti che approfondiscono gli aspetti fugaci e le problematiche sociali come le opere The Lovers e America, che esprimono qualcosa che va ben oltre la semplice iconografia. Prendendo come riferimento le composizioni floreali seicentesche, l’artista contamina e completa all’insegna del contemporaneo. Nella quarta serie After the Pop e nella quinta serie Destruction and Disaster i riferimenti iconografici con Warhol sono espliciti, ma l’esito del lavoro è più ironico e cerebrale. In After the Pop il mondo bersagliato da segni e simboli diviene codice per dialogare con la gente e l’artista si concentra sull’inserimento provocatorio dell’oggetto, artefatto e proposto su scala monumentale, in contesti improbabili. Mentre in Destruction and Disaster l’immagine è strutturata con la messa in scena di visioni rovinose e scenari di distruzione, con modelle che in modo surreale fuoriescono – illese e tristemente bellissime – da scenari completamente distrutti, incendi, crolli e calamità naturali. La sesta serie Excess propone ossessioni ed eccessi sessuali ad appannaggio di persone che, almeno in apparenza, sono assolutamente normali. LaChapelle mette in scena fantasie erotiche, voyeurismi, esibizionismi, feticismo, attitudini sadiche, masochiste e bondage evidenziando come questo tipo di eccessi siano legati al desiderio di auto-affermazione di ogni persona, unito a un piacere cerebrale non necessario. Plastic People è la settima serie di foto che riprende la questione dello stereotipo fisico, di un tipo di bellezza che va raggiunta ad ogni costo perché è la società che lo richiede. Ne scaturiscono da una parte corpi gonfiati dal body building, dall’altra l’utilizzo sistematico della chirurgia plastica per ritocchi invasivi – spesso ciò che viene considerato bello si trasforma in ridicolo e grottesco – che degenera in una sindrome ossessiva. Le muse ideali di LaChapelle diventeranno Pamela Anderson, Courtney Love e Amanda Lepore. Corpi dai tratti ampiamente deformati, violati, quasi disumani. L’ottava serie Dream evokes Surrealism, oltre ad essere legata all’universo della cosciente illusione, ha molti riferimenti e citazioni letterarie: ad esempio nell’opera Kirsten Dunst: Bell Jar la figura in posa dentro una campana di vetro è l’attrice Kirsten Dunst, protagonista del film Il giardino delle vergini suicide, diretto nel 1999 da Sofia Coppola e tratto dal romanzo di Jeffrey Eugenides. La nona serie Art References presenta Birth of Venus, ispirata alla Nascita di Venere del Botticelli. L’opera è proposta da LaChapelle come un regale simbolo d’amore, un sentimento puro, lontano dal materialismo, con un’ironica conchiglia all’altezza del pube invece dei lunghi capelli biondi utilizzati dall’artista fiorentino. Anche lo scatto intitolato Angelina Jolie: Lusty Spring si ispira a un’opera antica: l’Estasi di Santa Teresa di Gian Lorenzo Bernini, tra le opere più importanti del Barocco. La foto raffigura il momento della transverberazione, attimo in cui Dio prende il cuore della Santa. Nell’opera dell’artista italiano, il volto è dolcissimo, rivolto al cielo, gli occhi e le labbra socchiusi. Nello scatto di LaChapelle, il corpo raccolto e teso è celato mentre il viso rivolto verso l’alto con la bocca aperta e gli occhi chiusi rivela uno stato di grazia, un’estasi che coinvolge, anche in questo caso, più l’anima e il cuore che il corpo. Nell’ultimo ciclo di fotografie esposte in mostra dal titolo Negative Currency, l’artista utilizza di nuovo una tecnica già sperimentata agli inizi degli anni Novanta: un proiettore all’interno della camera oscura e alcune banconote in dollari al posto del negativo. Ne risulta una stampa fucsia che rivela, in contemporanea, entrambi i lati della banconota come si può vedere nella fotografia Negative Currency: One Hundred Dollar Bill Used as Negative 1990-2008. Nei suoi lavori recenti, utilizzando banconote americane e cinesi come negativo virtuale, fa riferimento diretto al collasso mondiale, che dal 2008 ha piegato le attività economiche del mondo, basato sui falsi capitali e sulle comodità apparenti. Di nuovo una lucida citazione di Andy Warhol, ma soprattutto la volontà feroce di percepire le cose oltre la loro apparenza.

La mostra spiega in chiave di racconto il percorso dell’opera di LaChapelle, che da prima dello scatto, si trasforma in un regista che comunica ai corpi e alle anime da immortalare il pensiero del suo lavoro. Il suo operare è impegnativo e faticoso, ma emotivamente coinvolgente sia per se stesso che per i suoi modelli. Per tutti la vanità è una forma di auto-devozione dissociata dalla realtà e dai contesti quotidiani. L’ironia dei suoi scatti scaturisce dall’imprevedibilità di una composizione che, spinta all’eccesso, esalta il vizio della vanità, intesa come vanitas, ovvero ammonimento all'effimera condizione dell'esistenza, quindi non fine a se stessa ma che perpetua l’operato umano nello scorrere dei secoli.

L’evento è stato realizzato in partnership con Robilant + Voena e Fred Torres Collaborations. Eventi collaterali > Ogni venerdì, a partire dal 13 luglio fino al 31 agosto inclusi, Maurizio Vanni proporrà una Visita guidata speciale con performance teatrale in cui si racconterà il pensiero di LaChapelle attraverso le differenti serie fotografiche prodotte nel corso della sua carriera per percepire la coerenza, la sensibilità, l’impertinenza e l’essenza della realtà di un artista che può essere considerato come un sismografo del proprio tempo.

SCHEDA TECNICA Titolo David LaChapelle Sede Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art Via della Fratta, 36 55100 Lucca T +39 0583 571712 F +39 0583 950499 www.luccamuseum.com info@luccamuseum.com
Date al pubblico Dal 29 giugno al 4 novembre 2012 Mostra prodotta da Arthemisia Group In partnership con Robilant + Voena Fred Torres Collaborations In collaborazione con Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art Mostra a cura di Maurizio Vanni Comunicazione e Promozione Marco G. Matteoli
Orario apertura Dal 29 giugno al 31 agosto 2012 Da Martedì a Giovedì dalle 10.00 alle 19.00 Venerdì e Sabato dalle 10.00 alle 24.00 Domenica dalle 10.00 alle 19.00 (la biglietteria chiude un’ora prima) Lunedì chiuso Dal 1 settembre al 4 novembre 2012 Da Martedì a Domenica dalle 10.00 alle 19.00 (la biglietteria chiude un’ora prima) Lunedì chiuso Aperture straordinarie 15 agosto 2012 2 novembre 2012 Dalle 10.00 alle 19.00 Biglietti Intero € 9,00 Ridotto € 7,00 Gruppi superiori alle 15 unità; ragazzi fino a 18 anni non compiuti; 65 anni compiuti (con documento); residenti nel Comune di Lucca; studenti universitari (con tesserino); soci: Edumuseicard, Arci, Club Medici, Controradio, Coop, Gamc, Rete Spam!, Touring Club Italiano; portatori di handicap; militari di leva e appartenenti alle forze dell’ordine (con tesserino); ex ridotti legge. L’ingresso omaggio bambini fino a 6 anni non compiuti; giornalisti con tessera di iscrizione all’Albo; accompagnatori di gruppi (1 ogni gruppo); insegnanti in visita con alunni/studenti (2 ogni gruppo); soci ICOM (con tessera); un accompagnatore per disabile; guide turistiche con tesserino; possessori di Vip Card Arthemisia Group.
Informazioni e prenotazioni T +39 0583 571712

articolo pubblicato il: 24/06/2012

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it