torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

libri
"Odilia"

di Alberto Rosselli


ODILIA

autobiografia semiseria della più anziana prostituta genovese

di Alberto Rosselli

EDIZIONI LIGURPRESS (Genova): info@ligurpress.it

SITO WEB: http://www.ligurpress.it

Prezzo: euro 12

Anno Stampa: Febbraio 2011

Lingua: Italiano

Autore: Alberto Rosselli (ross.alberto@alice.it)

Prefazione di Marco Cimmino

Descrizione dell'opera
‘ODILIA’: un viaggio attraverso la storia di Genova e di altre città italiane compiuto da una prostituta istriana in cerca di se stessa e di una ragione per sopravvivere decorosamente e per dare sostegno alla sua famiglia caduta in disgrazia. Un viaggio attraverso un’umanità variegata ed un’Europa – quella del primo e secondo dopoguerra - in bilico tra dittature e democrazie, tra rovina, rinascita e modernità. Odilia, la protagonista di questo ‘diario’ di vita, è una promettente cantante lirica di Pola. Ma alla metà degli anni Trenta, complici numerose disgrazie, decide, dopo molti tentativi fatti per condurre una vita normale, di dedicarsi al meretricio. Una scelta per lei inevitabile, drammatica, ma che lei pratica senza drammi o inutili moralismi. Con il coraggio di un ulisside, Odilia si immerge dunque nelle buie cantine dell’umanità, annotando con cura personaggi ed ambienti. Il suo viaggio lo compie da sola, passando in rassegna uomini e donne, spesso condannati all’ingiustizia, alla sofferenza, ma anche al peccato e alla stupidità. In questa sua navigazione all’interno dell’intestino crasso della società, Odilia scopre - attraverso espressioni vivide e acute osservazioni - i veri motivi del degrado morale di un’umanità debole e folle, ma non dispensa ricette utili a sovvertire o migliorare il mondo. Ella pratica il meretricio, e indaga e compila il suo curioso diario di bordo. Da questo minuzioso lavoro – redatto in forma semiseria, autoironica, e caratterizzato da un lessico in parte dilettantesco, ma veritiero, aspro, apocalittico, quasi sulfureo - scaturisce un affresco insolito. ‘ODILIA’: un’autobiografia, un documento storico, un testamento, una memoria umana dai risvolti avventurosi e al tempo stesso banali. Un’opera nuova, politicamente scorretta, da leggere e su cui meditare.

articolo pubblicato il: 14/06/2012

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it