torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
libro di Vittorio Gorresio

presentazione della nuova edizione a Firenze


Il Centro Culturale Protestante “P. M. Vermigli” e la Libreria Claudiana di Firenze presentano il libro “Risorgimento scomunicato” di Vittorio Gorresio, prefazione di Gianni Vattimo, Ed. La Zisa. Relatore: Prof. Domenico Maselli, già Docente di Storia nell’Università di Firenze, ex- Deputato al Parlamento della Repubblica. L’iniziativa avrà luogo in via Manzoni 19/A-21, a Firenze, sabato 28 aprile, alle ore 16:30.

Spentasi l’eco delle celebrazioni per il 150° del Risorgimento, sostanzialmente univoche nella forma e nei contenuti, appare opportuna una riflessione su alcuni aspetti della vicenda storica che, pur salienti, oggi vengono sottaciuti o minimizzati. Il libro di Gorresio offre lo spunto per una disamina di questi aspetti in un’ottica storica e politica.

Il Libro: Vittorio Gorresio, “Risorgimento scomunicato”, Prefazione di Gianni Vattimo, Pagg. 200, euro 16,90 (ISBN: 978-88-95709-89-5)

Pubblicato la prima volta nel 1958 dall'editore fiorentino Parenti, Risorgimento scomunicato raccoglie gli scritti di Vittorio Gorresio per Il Mondo, una serie storica di articoli dal titolo Processo al clero dopo il '60. Storico appassionato, intransigente documentatore, Gorresio traccia una puntuale e puntigliosa ricostruzione delle origini dei contrastati rapporti tra Stato e Chiesa che resero tanto drammatico il Risorgimento. La descrizione dell'intransigentismo clericale rispetto alla progressiva laicizzazione dello Stato italiano ci è fornita dall'autore attraverso la meticolosa raccolta di missive tra membri del governo ed esponenti del clero, cui si aggiungono le dettagliate ricostruzioni degli episodi salienti e del profilo dei personaggi che di questo travagliato periodo storico si resero protagonisti. Vengono descritte, in sequenza, le vicende di una Chiesa, scomunicante e punitiva, addirittura iettatoria, di là dalla trasformazione che, negli anni a seguire, la renderà refrattaria, incapace di stare al passo con la storia, cioè con l'evoluzione della coscienza morale e politica dei cittadini laici. L'attualità del pensiero di Gorresio sta, infatti, tutta nella rilettura storica e cognitiva degli eventi che hanno prodotto il presente, come cita Gianni Vattimo nella sua prefazione: "Se la Chiesa si riduce oggi a una multinazionale […] ciò è anche il risultato dell'uso che essa stessa ha fatto dei suoi strumenti spirituali".

Vittorio Gorresio, giornalista, scrittore e saggista nacque a Modena da famiglia piemontese il 18 luglio 1910. Inviato speciale e corrispondente di guerra per Il Messaggero di Roma, fu tra i più efficaci espositori del dramma del dopoguerra sulle colonne della testata Risorgimento Liberale, quotidiano diretto da Mario Pannunzio col quale collaborò anche per il settimanale politico Il Mondo. Firma prestigiosa anche de L'Europeo di Arrigo Benedetti, Gorresio scrisse una decina di saggi storici ottenendo importanti riconoscimenti giornalistici e premi. Nel 1980 l'autobiografia La vita ingenua gli valse il Premio Strega. Lavorò fino a poco prima della sua morte, nel 1982, curando la rubrica "Taccuino" per il quotidiano La Stampa.

articolo pubblicato il: 22/04/2012

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it