torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Ecuba"

al Teatro Colosseo di Roma


Associazione Culturale Musicale BEAT 72 diretta da Ulisse Benedetti

TEATRO COLOSSEO
dal 20 aprile al 6 maggio

ECUBA
La Nausea e la Strage

Libera elaborazione drammaturgica di RICCARDO REIM da ECUBA e TROIANE di Euripide

con FRANCESCA BENEDETTI RAFFAELE LATAGLIATA, PIER LUIGI PIZZETTI, ANDREA VOLPETTI e con ROBERTO BISACCO e GIORGIO CRISAFI

Regia di BEPPE MENEGATTI

Partendo da ECUBA e TROIANE di Euripide, la rielaborazione di Riccardo Reim (scritta appositamente per la presente messa in scena voluta da Francesca Benedetti) rivisita la tragedia greca – e il mito che ne costituisce l’origine e il cuore – alla luce delle suggestioni surrealiste e metafisiche di Savinio e Böcklin nonché delle ‘oscene’ trasgressioni di Georges Bataille, con il filtro, per così dire, della ‘nausea’ esistenziale di sartriana memoria. In una sorta di magazzino-discarica Ecuba accoglie i ‘fantasmi’ della propria esistenza (deformi e ridotti ai minimi termini) in schermaglie atrocemente grottesche e degradate come avanzi frusti e polverosi di qualche vecchio repertorio divenuto ormai improponibile… L’insondabile perentorietà della tragedia greca si scontra stridendo con le atrocità dei nostri giorni, inquietantemente simili a “scene di caccia antica”: il linguaggio alterna toni e registri diversissimi, “alti” e “bassi”, “aulici” e “plebei”, “poetici” e “giornalistici”… Dal nulla che circonda la protagonista emergono, simili a relitti, interessi e ricordi; il dialogo diviene un elenco di atti e pensieri angosciosi, inconfessabili, assurdi: via ipocrisie e pregiudizi, ma via anche ogni pietà e ogni umana intesa. Tutto sembra demolirsi, sbriciolarsi, annientarsi – persino nella cifra di una terribile, deforme comicità (si vedano Cassandra, Andromaca ed Elena, impersonate da tre uomini senza nulla concedere al tradizionale ‘en travesti’) che sembra lasciare spazio soltanto a un disperato annaspo dopo il quale c’è, per l’appunto, la nausea di tutto, anche della “nausea” stessa – forse unica possibile conquista per l’uomo.

A vestire i difficili panni della protagonista è, come si è detto, Francesca Benedetti, attrice da sempre amante del rischio e della sperimentazione, intelligentemente divisa tra avanguardia e classicità, che qui ritrova l’humus delle sue interpretazioni di Siracusa e di Gibellina in un linguaggio provocatorio e affabulante; la regia è affidata a Beppe Menegatti, regista dalla ben nota formazione viscontiana e dalla straordinaria versatilità (il primo in Italia, fra l’altro, a rappresentare Samuel Beckett), attivo nella prosa come nell’opera lirica e nel balletto, qui impegnato in una nuova, stimolante sfida.

articolo pubblicato il: 16/04/2012 ultima modifica: 26/04/2012

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it