torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
"Giorni Strani"

blog del poeta Matteo Marchiotti


Giorni Strani è il blog di un giovanissimo poeta emergente, Matteo Marchiotti, del quale sentiremo molto parlare in futuro, Ma lasciamo a lui la presentazione.

La poesia ha sempre fatto parte della mia vita. Credo faccia parte della vita di tutte le persone che in qualche modo si sentano scartate dal benessere illusorio che l’esistenza terrena mette a disposizione per facilitare il duro cammino di noi tutti. Se la felicità individuale fosse una droga, allora mi viene da dire che quest’ultima venga somministrata a dosaggi relativamente bassi. Mettetela in termini filosofici o teologici, oppure considerate lo spleen (perche di mal di vivere stiamo parlando) come un grave deficit del cervello nel produrre quantitativi ridicoli di endorfine per far fronte alle trappole del destino spesso dolorose e prive di senso. La poesia è una droga. Un fuoco che si alimenta di dolore, passione, amore e selvaggia lussuria. Un arma a disposizione del debole (perche il poeta non è che una dispersa anima fragile) per sprigionare sulla carta rasoiate d’inchiostro che rappresentano i tormenti più vari e tenebrosi dello spirito.

Ho voluto Giorni Strani perche rappresenta un viaggio attraverso il cuore umano, sopratutto sui suoi lati più oscuri e malsani, le indecenze del mondo visti dagli occhi di una persona che soffre, le nefandezze dell’uomo che non sempre vengono raccontate. Lorenzo De Medici soleva dire che la poesia deve raccontare le meraviglie della vita, ma ancor di più le cose più tristi. La poesia vive di dolore. Mi sono basato su esperienze personali (ahimè, ho una vita ricca di malinconiche avventure) e su fatti che ho visto accadere a cui solo il modo di vedere la vita di un poeta può apprezzarne gli amari risvolti e spiegare agli occhi di chi annega nelle lacrime, che il dolore può e deve essere raccontato; perche la poesia è disegnare quadri con le parole, un urlo silenzioso, o semplicemente un sicuro molo d’ormeggio in un mare in burrasca. Volendo metterla in termini poetici.
Matteo Marchiotti

Questo è l’indirizzo del sito: www.heavendecadence.blogspot.com

articolo pubblicato il: 18/03/2012

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it