torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Nya"

a Civitanova Marche


La grande danza internazionale torna protagonista venerdì 16 marzo a Civitanova Danza tutto l’anno, rassegna invernale promossa dal Comune di Civitanova Marche, dall’Azienda Speciale Teatri di Civitanova e dall’AMAT con il contributo di Regione Marche e Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il sostegno di Banca Marche. Protagonisti di questo atteso ed esclusivo appuntamento al Teatro Rossini è la compagnia La Baraka di Abou Lagraa e il Balletto Contemporaneo d’Algeri. Al pubblico di Civitanova Danza presentano Nya, grand Prix quale coreografia dell'anno in Francia, coinvolgente spettacolo che coniuga diversi stili, dal contemporaneo all'hip hop, e insolite culture musicali, dal Bolero di Ravel ai canti nordafricani. Un mix affascinante di vitalità e dinamismo dei suoi giovani danzatori.

Abou Lagraa, oltre a guidare la sua compagnia La Baraka a Lione, ha scelto dieci danzatori algerini dando vita al Balletto Contemporaneo d’Algeri creando per loro Nya, parola araba che significa “aver fiducia nella vita”. Presentato alla Biennale Danza di Lione nel settembre 2010, Nya è stato realizzato con l'intervento diBNP Paribas ed è composto da due brani speculari: il primo “europeo” si dipana sul Bolero di Ravel, il secondo “nordafricano” è sviluppato sui canti, “chants”, di Houria Aichi. Assecondato dalla moglie Nawal Lagraa, marocchina di origine, danzatrice e coreografa, Lagraa ha lavorato con i danzatori dalla primavera del 2010 sia sul piano formativo sia su quello dello spettacolo vero e proprio, mescolando con sapienza stili e linguaggi. Le note ossessive di Ravel suggeriscono una “trance” molto vicina alla cultura popolare del Maghreb. Finale con ottoni e salti mortali. Nella seconda parte è la musica popolare algerina a fare da protagonista, una melopea alternata a sezioni percussive ed una scenografia essenziale. Qui Lagraa ricorre di più al linguaggio contemporaneo chiudendo con colpo di teatro: una serie di sottili getti d’acqua che dal palcoscenico inondano i danzatori.

Coreografo e danzatore di radici maghrebine, Abou Lagraa si diploma al Conservatoire National Supérieur de Musique et Danse de Lyon, iniziando la sua carriera d’interprete presso la compagnia di Rui Horta. Nel 1997 fonda una propria compagnia creando, da allora, dieci piéces in cui esplora il contemporaneo, l’hip-hop, le danze orientali o africane, il classico. Ha creato, su commissione, per l’Opéra National de Paris (2006) e per il Ballet Memphis (2007). Nel 2008, in occasione della Biennale de la Danse de Lyon, ha presentato la sua creazione D’Eux Sens. Dal 2008, Abou Lagraa e la compagnia La Baraka lavorano al progetto “Ponte Culturale Mediterraneo”, in collaborazione con il Ministero della Cultura Algerino: un progetto franco-algerino di cooperazione che ha il fine di sviluppare scambi artistici in favore della danza. In questo contesto s’inserisce la coreografia creata nel 2009 nell’ambito della cerimonia di chiusura del 2° Festival Panafricano d’Algeri. Dal 2009 la compagnia La Baraka è residente aux Gémeaux, Scène Nationale de Sceaux.

La coreografia di Nya è firmata da Abou Lagra. Assitente alla direzione artistica e responsabile progetti educativi della compagnia è Nawal Lagraa. Le musiche dello spettacolo sono di Maurice Ravel su arrangiamenti di Laurent Ait Benalla e Houria Aïchi, Hossam Ramzy su arrangiamenti di Eric Aldéa. Le scene sono di Abou Lagraa e Franck Besson, la concezione luci di Gérard Garchey e i costumi di Michelle Amet. Gli interpreti di Nya sono: Abderaouf Bouab, Mokhtar Boussoufì, Ali Braïnis, Nassim Feddal, Mohamed Walid Ghazli, Oussama Kouadria, Bilel Madaci, Abdelghani Meslem, Salah Eddine Mechegueg, Zoubir Yahiaoui.

Per informazioni e biglietti: Teatro Rossini 0733 912936, AMAT 071 2075880. Inizio spettacolo ore 21.15.

articolo pubblicato il: 13/03/2012

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it