torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Abbastanza sbronzo per dire ti amo?"

al Teatro Vascello di Roma



TEATRO VASCELLO
DIRETTORE ARTISTICO MANUELA KUSTERMANN
stagione teatrale 2011 2012

23-26 FEBBRAIO 2012 orario dal martedì sabato ore 21.00 domenica 18.00
Prezzi 20,00 euro intero 15,00 euro ridotto

TEATRO STABILE DELLE MARCHE
IN PRIMA NAZIONALE

CARLO CECCHI
PROTAGONISTA E REGISTA DI

ABBASTANZA SBRONZO DA DIRE TI AMO?
di Caryl Churchill
e

PRODOTTO
di Mark Ravenhill

le traduzioni sono di Giorgio Amitrano
in scena con Cecchi: Tommaso Ragno e Barbara Ronchi
lo spettacolo produzione del Teatro Stabile delle Marche sarà rappresentato poi a Milano, Brescia e Buti

Dal classico al contemporaneo. Carlo Cecchi, dopo aver chiuso due stagioni di tournée con lo Shakespeare Sogno di una notte d’estate, debutta giovedì 23 febbraio alle ore 21.00 (repliche fino al 26 febbraio) in prima nazionale al Teatro Vascello con il dittico Abbastanza sbronzo da dire ti amo? di Caryl Churchill (testo per la prima volta portato in scena in Italia) e Prodotto di Mark Ravenhill, con le traduzioni di Giorgio Amitrano.

Carlo Cecchi regista e protagonista dei due pezzi, nel primo della Churchill è in scena con Tommaso Ragno e in Prodotto di Ravenhill con Barbara Ronchi. Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Stabile delle Marche.

Dopo Roma lo spettacolo sarà in scena a Milano al Teatro Elfo Puccini dal 28 febbraio all’11 marzo, poi a Brescia al Teatro Sociale il 12 e 13 marzo e chiude a Buti al Teatro Francesco di Bartolo il 15 marzo. La tournée ripartirà il prossimo autunno.

Dalle note di regia di Carlo Cecchi:
Abbastanza sbronzo da dire ti amo? di Caryl Churchill è una commedia che tratta del rapporto fra “a country” e “a man”, secondo l’indicazione dell’autrice. “The country” è gli Stati Uniti; “the man” è un individuo europeo. Fra i due nasce e si sviluppa un rapporto d’amore omosessuale: l’amato è, ovviamente, Sam (the country); l’amante è Guy, l’europeo. Attraverso un dialogo ellittico, spezzettato, con battute che spesso si sospendono sul vuoto, lo schema della commedia erotico-sentimentale tratta in realtà del rapporto storico-politico fra gli Stati Uniti e i suoi alleati. I frammenti del dialogo, erraticamente, passano in rassegna la politica imperiale e imperialistica degli Stati Uniti nel mondo. Ma col procedere della vicenda amorosa e delle prodezze “storiche” della coppia, il turbine dell’entusiasmo geopolitico-etico-erotico dell’amante ha delle cadute. Arriva perfino ad accennare qualche timido atto di ribellione. E, alla fine, non si spengono solo i fuochi della passione, si spenge l’appassionato.

In Prodotto di Mark Ravenhill, un regista cinematografico racconta a una star il film che intende fare; cerca di trasmettere tutto il suo entusiasmo, sperando di conquistarla al suo film: senza la star, si intuisce, i produttori non cacceranno the money. La storia che il regista racconta è una di quelle ridicole fictions d’amore che l’industria hollywoodiana pretende di far passare come i nuovi miti moderni. L’amato, contrariamente a quello di Abbastanza sbronzo…è un islamico, ossia uno di quegli individui che la protagonista, l’amante, non può che giudicare come un rappresentante del Male. Si apre per la nostra eroina un conflitto corneliano fra amour e devoir. (L’islamico è pure bello e scopa benissimo.) Attraverso crisi strazianti, dove ritornano più o meno tutti i luoghi comuni dell’immaginario metafisico-consumistico occidentale, la nostra girl arriverà alla fine a un’apoteosi porno-eroica che la trasfigurerà. Pare che alla star la parte piaccia. Il film si farà.

Brevi note biografiche degli autori
Caryl Churchill
nata a Londra nel 1938, è considerata uno dei più grandi drammaturghi viventi. Ha scritto moltissimi testi per il teatro e anche per la televisione e la radio. Tra i suoi testi ricordiamo: Cloud Nine (1979); Top girls (1982); Serious money (1987); Far away (2000); A number (2002). Drunk enought to say I love you? è stato rappresentato per la prima volta nel 2006 a Londra; nel 2008 a New York in una versione leggermente modificata. Questa è la prima volta che la commedia viene rappresentata in Italia.
Mark Ravenhill
nato nel 1966, attore regista e forse il miglior drammaturgo della sua generazione. Tra i suoi testi teatrali, alcuni conosciutissimi, ricordiamo: Shopping and fucking (1996); Faust is dead (1997); Some explicit polaroids (1999). Product è stato rappresentato per la prima volta nel 2005 al Festival di Edimburgo, interpretato dall’autore.

Prenotazioni: per telefono o mail
Teatro Vascello 06 5881021 – 06 5898031 – fax 06 5816623
Prenotazioni: Con supplemento di 1,00 euro e ritiro dei biglietti prenotati entro mezz’ora dall’orario di inizio spettacolo.

articolo pubblicato il: 19/02/2012

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it