torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

libri
"Ritratto di un uomo morto"

di Sarah Hall


Gran vía edizioni presenta Ritratto di un uomo morto di Sarah Hall che - scrive Nadeem Aslam - “garantisce il più profondo piacere che la narrativa sa offrire”. Il romanzo - in tutte le librerie d’Italia - parla di passione, arte e privazione e l’autrice è stata selezionata dal Telegraph nel 2010 tra i 20 migliori scrittori inglesi sotto i 40 anni perché - come scrive il Times - la sua scrittura è “viscerale e coinvolgente e la vita emotiva dei suoi personaggi è sapientemente resa in questo sfavillante intreccio di voci, per le quali l’arte è un modo di vedere e insieme un modo per vivere”. Il libro

Un romanzo elegante e tecnicamente ambizioso, che trae il proprio titolo da Il Libro dell’Arte di Cennino Cennini e raggiunge picchi di eccezionale intensità poetica.

Il testo segue quattro linee narrative, quattro storie di personaggi che muovendosi su piani spazio-temporali diversi svelano un ambizioso progetto narrativo che induce la mente del lettore a “inseguire” la trama. I protagonisti sono: un pittore italiano alla fine della sua vita; una giovane fioraia ossessionata da visioni demoniache; un artista inglese e una donna in lutto per la morte del fratello. Il pittore Giorgio (forse Giorgio Morandi?) vive e lavora nelle campagne umbre con il suo vecchio cane Benicio - alter ego dell’artista - dove riceve spesso visite di giornalisti. Ruotano intorno alla sua vita Antonio (forse il fotografo Antonio Masotti?), Florio e altri personaggi tra cui un giovane studente inglese, Peter Caldicutt, che infonderà nuova enfasi all’anziano uomo, la cui vita è vicino al termine. Consapevole di ciò ripensa al passato, a Bologna città natia, ai primi passi verso l’arte, all’Accademia, al Caffè Bassano, insomma a tutta la sua affascinante vita. La protagonista della seconda storia è Annette, adolescente afflitta da cecità e orfana di padre, che vive insieme alla sua famiglia. La ragazza ha ricevuto una rigida educazione ed è ossessionata dal Male: anima pura vede la bellezza anche senza la vista. La narrazione confluisce presto in quella di Giorgio che Annette andava spesso a trovare perché suo maestro di disegno. La terza vicenda - trent’anni dopo la morte di Giorgio - narra di Peter Caldicutt, il giovane studente inglese che aveva infuso nuova enfasi all’anziano pittore e che ora è diventato un affermato paesaggista. Un tragico incidente sconvolge la sua esistenza e lo porta a riflettere sulla sua vita sapientemente raccontata dall’autrice. L’ultima parte del libro è dedicata a Susan, figlia di Peter. La perdita del fratello Danny scaraventa Susan nel dolore che neppure il conforto dei genitori, del compagno, e il lavoro - Susan è impegnata nella curatela di una mostra sui grandi maestri del XX Secolo - alleviano. Solo la scoperta di un fondamentale cambiamento - la nascita di un figlio - scuoterà la protagonista. Ritratto di un uomo morto unisce personaggi e storie: Giorgio e Annette possiedono una vista speciale, che permette loro di penetrare la realtà superficiale delle cose; Peter e Susan sono entrambi paralizzati, l’uno fisicamente e l’altra mentalmente. Tutti vivono un’esperienza traumatica e illuminante al contempo: Giorgio incontra la morte; Annette scopre la maturità e, crescendo, la corruzione umana; Peter trova il valore della vita familiare; e infine Susan rinasce spronata dalle sue nuove responsabilità di madre. L’autore

Sarah Hall è nata in Inghilterra nel 1974. Già autrice di quattro romanzi, è stata più volte vincitrice e finalista di importanti premi internazionali, ed è stata selezionata nel 2010 dal Telegraph tra i venti migliori scrittori inglesi sotto i 40 anni. Ritratto di un uomo morto è stato selezionato per il Man Booker Prize 2009 ed ha vinto il Portico Prize 2010.

ISBN 978-88-95492-20-9
Collana altrevie
Pag. 334
Prezzo € 17,00
Genere narrativa
Pubblicazione dicembre 2011
info@gran-via.it

articolo pubblicato il: 25/01/2012

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it