torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Lisistrata"

nelle Marche


Prende il via da Maiolati giovedì 26 gennaio la tournée marchigiana di Lisistrata con Gaia De Laurentiis e Stefano Artissunch, al quale è affidata anche la regia dello spettacolo prodotto da Synergie Teatrali e Teatro Ventidio Basso in collaborazione con AMAT. Dopo il Teatro Spontini di Maiolati Lisistrata – presentata nell’ambito della stagione promossa dalla Fondazione Pergolesi Spontini, dall’AMAT e dal Comune di Maiolati Spontini con il contributo della Regione Marche, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Banca Popolare di Ancona e di Sogenus – fa tappa il 27 gennaio al Teatro La Nuova Fenice di Osimo, il 28 gennaio al Teatro Apollo di Mogliano e il 29 gennaio al Teatro Novelli di Grottazzolina.

Lisistrata è un colto e fantastico viaggio nella poetica di Aristofane celebre commediografo fra i maggiori del teatro classico. La particolarità della messa in scena è nella contaminazione fra Cabaret e Burlesque, tale contaminazione si evidenzia nelle musiche, nelle atmosfere e nei costumi. Nella storia la guerra non fa da sfondo alla commedia, ma la penetra in tutta la sua drammaticità divenendone protagonista. Lo spettacolo è un' omaggio a tutti i caduti per la Patria, in tutte le guerre, che per la bandiera, non hanno esitato a sacrificare in silenzio la propria esistenza nella speranza di un domani migliore.

Il filo conduttore è Lisistrata che con lo stratagemma dello sciopero del sesso ricatta i guerrieri spartani ed ateniesi a trattare la pace per porre fine alla guerra del Peloponneso. Proprio la sua fermezza ed arguzia favoriscono il gioco comico ma anche polemico e riflessivo nella commedia. Lisistrata non è solo una donna che convince le altre ad attuare lo sciopero del sesso ma è lei che si fa motore di un dolore universale: "sciagurate siamo noi donne a portare il peso della guerra, partoriamo i nostri figli e li mandiamo a fare i soldati!"

Visivamente tutto il fantastico di Aristofane viene restituito sia nella scelta dell’allestimento, sia nell’utilizzo di pupazzi e fantocci che rafforzano l’onirico della scena interagendo drammaturgicamente con i protagonisti.

In tal modo l’arte del teatro diventa magia capace di rievocare figure di corpi, musiche, parole ed immagini come strumenti per esplorare l’animo umano. I protagonisti si affrontano sui tre piani rialzati della scenografia sviluppando al massimo l’azione scenica per esasperare in maniera giocosa e dinamica gli umori del dramma comico di Aristofane. La scena è bianca, compatta e severa, a delineare uno spazio dove passato e presente si incontrano, dove la satira implacabile, feroce e corrosiva esplode con una grande sequenza di immagini ed uno spirito senza limite di tempo aggredendo la società e la Polis (Atene). vAccanto ai protagonisti principali completano il cast David Quintili, Stefano Tosoni e un coro di 14 pupazzi.

Informazioni e biglietti: Biglietteria del Teatro G.B. Pergolesi tel. 0731 206888, AMAT 071 2072439, www.amat.marche.it Inizio spettacoli: Maiolati e Mogliano ore 21, Osimo e Grottazzolina ore 21.15.

articolo pubblicato il: 23/01/2012

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it