torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
ragazze del Caucaso

progetto di educazione al volontariato e alla pace


Sono arrivate in Italia tre ragazze dal Caucaso del Nord per un progetto di educazione al volontariato e alla pace. Le ragazze, ventiduenni, sono state invitate da Mondo in Cammino, organizzazione di volontariato accreditatasi come Organizzazione di accoglienza del Servizio Volontario Europeo. Partner del progetto sono il Centro Servizi delle provincia di Vercelli ed il coordinamento per il Caucaso Settentrionale dell'ONG russa Memorial.

Lo stage delle ragazze si svolgerà a Vercelli e durerà 10 mesi. Tamara (Ossezia del Nord), laureata in psicologia sta svolgendo il dottorato in psicologia dei conflitti; Liuba (Inguscezia) è laureanda in giurisprudenza ed ha già svolto praticantato per i diritti civili presso la sede Memorial di Nazran; Laura (Cecenia), laureata in campo agronomico, sta studiando da giornalista presso il giornale indipendente Caucasus Times.

Per tutte e tre è la prima esperienza all'estero. Durante la permanenza verranno svolti corsi di educazione alla pace con l'apprendimento di metodologie per la gestione dei conflitti interetnici ed interreligiosi; affiancheranno, inoltre, Mondo in Cammino nelle attività 2009 previste per il Caucaso del Nord e tutte tese ad implementare la strategia del "confidence building" in quelle aree conflittuali e non ancora pacificate d'Europa. Fra le attività: l'accoglienza interetnica ed interreligiosa di minori (musulmani e cristiani ortodossi) provenienti dal Distretto del Prigorodni, una delle zone più tese di tutto il Caucaso; la realizzazione della Fabbrica della Pace a Tarskoe, villaggio poco distante da Beslan, abitata dalle due etnie osseta ed inguscia e divise nella stessa comunità; la campagna "generazione senza mine" per i minori ceceni vittime di mina; la realizzazione del progetto editoriale "Caucaso, frammenti di pace", ecc.

Al loro ritorno in patria a dicembre 2009, saranno (ognuna nella propria repubblica) inserite in un progetto di crescita locale per la negoziazione ed il dialogo fra le etnie presenti, progetto per il quale Mondo in Cammino si recherà ad aprile direttamente in Caucaso per la creazione delle strutture di gestione.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it