torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"La condizione umana"

al Teatro Delfino di Milano


La condizione umana 18, 19, 20 e 21 gennaio ore 21.00 / domenica ore 16.00 drammaturgia di Marco Oliva e Gaia Barbieri Regia di Marco Oliva Con Marco Oliva, Martino Iacchetti, Elena Martelli, Gabriele Natale, Bruna S. De Almeida Scenografia di Francesca Biffi Luci di Domenico Cicchetti nella serata di venerdì 19 gennaio - ore 20.00 CONFRONTO PUBBLICO SUI TEMI DELLO SPETTACOLO Immigrazione, razzismi e nuovi fascismi Con la partecipazione di Pierfrancesco Majorino, Assessore alle Politiche Sociali, Salute e Diritti del Comune di Milano, l'antropologa Silvia Grossi, e altre personalità della cultura, della stampa e dell'associazionismo. Inizio dibattito: ore 20.00 / Inizio spettacolo: ore 21.00

La Condizione Umana è uno spettacolo che viaggia tra diversi registri e quadri interni; non per una ricerca estetica, ma è un tentativo di rappresentare quanto più vicino si possa essere alla forte realtà che stiamo vivendo. "I migranti sono messaggeri che preannunciano le sciagure che nel mondo presto accadranno o che sono già in atto". Oggi l'assenza di soluzioni politiche risolutive, le incertezze e i timori alimentano le estremizzazioni di tesi e di pensieri razzisti. Quando le notizie degli annegamenti quasi quotidiani nei nostri mari diventano ormai un dato statistico e la parola migrazione viene sostituita con invasione, allora il presunto pericolo può giustificare tutto: l'idea del bisogno di difendersi, di pretendere soluzioni forti. L'unico conseguente risultato di cui possiamo essere certi è la perdita del senso dell'umano. Lo spettacolo si ispira alla tela del surrealista Magritte "La condizione umana" (dipinto che sconfina nel reale, e dove il reale si confonde nel dipinto senza riuscire a identificarne i contorni). Che cosa è vero e cosa non lo è? Quanto lo sguardo impaurito può distorcere la realtà? E' proprio domandandoci quale sia oggi la condizione umana, che ci appaiono davanti la nascita di nuovi fascismi e di nuovi razzismi, nonché la ripresa di quelli vecchi in America e nel mondo. La distorsione della realtà messa in atto può portare ogni uomo alla non comprensione dei fatti per come realmente sono, e ad un senso di smarrimento: ma l'uomo solo non è solo. Abita e vive insieme ad altri uomini soli, incapaci di sentire empatia. La realtà è una verità mutevole, che spesso si interpreta in una maniera distorta e che sempre più considera l'umano in maniera, per l'appunto, disumanizzante.

Teatro Delfino Piazza Piero Carnelli, Milano Info biglietteria: Prezzi biglietti: Intero €15 / Ridotto* €10 La biglietteria apre ogni venerdì dalle ore 17.00 alle ore 19.00 e i giorni di spettacolo dalle ore 18.00 (dalle ore 14.00 la domenica). Biglietti disponibili anche su Vivaticket. * over 60/under 25/studenti con badge/cittadini quartiere/promo newsletter

articolo pubblicato il: 07/01/2018

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it