torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
evento internazionale

all'Hotel Excelsior di Napoli


La Conferenza regionale degli stakeholder dell’Unione per il Mediterraneo sulla Blue Economy è un evento internazionale che mira a promuovere l’occupazione e i potenziali investimenti dell’economia marittima nel bacino del Mediterraneo; si terrà a Napoli il 29 e 30 novembre prossimi, all’Hotel Excelsior.

La Conferenza riunirà più di 300 partecipanti provenienti dalla Regione Euro-Mediterranea, inclusi i rappresentanti di Governi, di Autorità regionali e locali, di Organizzazioni internazionali e Agenzie per lo sviluppo internazionale, rappresentanti del settore privato, atenei universitari e organizzazioni della società civile connessi alle questioni marine e marittime. E’ aperta liberamente alla stampa e se ne incoraggia vivamente la partecipazione.

Si terranno in parallelo alla Conferenza altri due importanti eventi, sempre a Napoli il 30 novembre:

Una sessione ad alto livello (aperta alla stampa dalle 9 alle 10.45 presso Hotel Excelsior) che vedrà la partecipazione di Karmenu Vella, Commissario Europeo per l’Ambiente, gli Affari Marittimi e la Pesca e Fathallah Sijilmassi, Segretario Generale dell’Unione per il Mediterraneo. La sessione si concluderà con la firma di un Memorandum di Intesa fra il Segretariato dell’Unione per il Mediterraneo e la Commissione Generale per la Pesca nel Mediterraneo della FAO.

Un Incontro Ministeriale Informale dei Paesi del Mediterraneo Occidentale (punto di incontro per la stampa a Castel Dell'Ovo alle h. 13.00 con il Commissario Karmenu Vella e il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio) che segnerà il lancio ufficiale dell’Iniziativa per lo sviluppo sostenibile dell’economia marittima nel Mediterraneo Occidentale. I Ministri sono chiamati a fornire l’avallo politico a questa iniziativa, a concordare un processo di governance e istituire un Comitato Direttivo in regime di co-presidenza. L’adozione di una Dichiarazione congiunta dei dieci Paesi Partecipanti (Algeria, Francia, Italia, Libia, Malta, Mauritania, Morocco, Portogallo, Spagna eTunisia) chiuderà il procedimento.

articolo pubblicato il: 24/11/2017

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it