torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
"Inmensa luz"

mostra fotografica a Roma


Da venerdì 8 settembre fino al 28 ottobre 2017, alla Sala Dalí dell’Instituto Cervantes (piazza Navona, 91 – Roma, tel. 06.686 1871) si potrà visitare gratuitamente la mostra fotografica “Inmensa luz”. La collettiva comprende 33 fotografie di artisti affermati e fotografi emergenti, inclusi nella Collezione ENAIRE grazie al Premio annuale di Fotografia della Fondazione. Tra gli autori degli scatti, Chema Madoz, Daniel Canogar, García Alix, Irene Cruz,Maider López, José Manuel Ballester, Lola Guerrera, Victoria Diehl, Amalé/Bondía, Raul Urbina e Rosell Meseguer. La raccolta include fotografi di diverse generazioni e formazione, che presentano scatti che vanno dalla fine degli anni ‘80 fino ai nostri giorni.

È la prima volta che queste opere della Colección ENAIRE vengono esposte al di fuori del territorio spagnolo. Dopo la tappa romana, “Inmensa luz” sarà visitabile presso la sede dell'Istituto Cervantes di Milano, da novembre fino a gennaio 2018. La mostra verrà inaugurata dal segretario di Stato delle Infrastrutture, Trasporti ed Edilizia, nonché presidente di ENAIRE, Julio Gómez-Pomar e dall’ambasciatore di Spagna in Italia, Jesus M. Gracia Aldaz. Al vernissage, in programma l’8 settembre alle ore 19 parteciperanno anche, la direttrice di FotoEspaña, Claude Bussac, il direttore generale di Enaire, Beatriz Montero de Espinosa, la curatrice della Collezione ENAIRE, Ángeles Imaña, il direttore del Dipartimento di cultura dell'Instituto Cervantes, Martín López-Vega, il direttore dell’Instituto Cervantes di Roma,Sergio Rodríguez López-Ros e alcuni fotografi autori delle opere.

Il tema delle fotografie racconta i sentimenti e le aspirazioni di autori che utilizzano questa disciplina come mezzo di espressione artistica; sentimenti e aspirazioni accomunati dalla luce mediterranea, che l’Italia e la Spagna condividono. Con il titolo “Inmensa luz”, la curatrice Ángeles Imaña ha selezionato gli scatti i cui contenuti mostrano una panoramica ampia dell’arte spagnola più recente. Le opere presenti a Roma sono incluse nella programmazione ufficiale di PHotoEspaña 2017, festival internazionale di fotografia e arti visive, che quest’anno celebra la sua ventesima edizione: una vera e propria piattaforma indispensabile per i creativi e i loro progetti. “Inmesa luz” resterà esposta a Roma fino al 28 ottobre presso la Sala Dalí dell’Instituto Cervantes, in piazza Navona, aperta dal mercoledì al sabato dalle ore 16 alle 20.

La Fondazione ENAIRE è un'istituzione culturale legata a ENAIRE. I suoi obiettivi sono quelli di promuovere la cultura aeronautica e la conservazione, l'espansione e la diffusione del proprio patrimonio artistico. Questo patrimonio è costituito da un’eccezionale collezione d’arte spagnola e iberoamericana che, in ordine cronologico, inizia nella seconda metà del XX secolo, e continua fino ai giorni nostri. Comprende più di mille opere di pittura, scultura, fotografia, opere grafiche, opere su carta e arte multimediale. La Fondazione è stata creata nel 1994 con il nome di Fondazione Aena e nel gennaio 2016 ha cambiato nome in Fondazione ENAIRE. La Fundación ENAIRE promuove e incoraggia la creazione di arti plastiche, fotografiche e visive. Sin dalla sua creazione, e nell’ambito dell’attività di patrocinio istituzionale che svolge, il premio di fotografia ha sostenuto e promosso un numero importante di artisti con esposizioni in Spagna e, adesso, anche all’estero. La Collezione di Arte include 1.132 opere d’arte contamporanea, tra pittura, scultura, disegni, opere grafiche, video e fotografie. Quest’ultima sezione ha avuto inizio nel 1999 e, da allora, è cresciuta non solo con acquisizioni dirette, ma anche attraverso le opere introdotte dal Premio di Fotografia della Fondazione, la cui prima edizione fu nel 2005 e che dal 2010 è divenuta annuale.

ENAIRE è un'azienda pubblica che fa capo al Ministero dei Lavori Pubblici e gestisce (attraverso i propri 5 centri di controllo, le sue 22 torri, la propria rete di infrastrutture e le apparecchiature aeronautiche) il quarto spazio aereo europeo per volume di traffico, trasportando oltre 230 milioni di persone ogni anno.

articolo pubblicato il: 05/09/2017

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it