torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

elzevirino
est modus in rebus
di Carla Santini

Una mamma legge una lettera. Afferma, con la voce rotta, che non potrà più fare la mamma, ma non è chiaro, se perché non potrà lavorare per essere mamma o se dovrà lavorare e non potrà più essere mamma. Sulle note di un triste ed incalzante motivo, si susseguono bambini che stracciano la lettera fra le lacrime, fintanto che, a pieno schermo, un bimbo scosso da un pianto a dirotto, non si sa se indotto o spontaneo, irrompe sulla scena e corre, disperato, ad abbracciare la mamma. Il tutto sfuma su una sigla, senza una richiesta esplicita del 5 per mille, ma...

In Italia, evidentemente, non esistono strutture in grado di supportare le madri che lavorano ed allora arrivano i privati, samaritani del nostro tempo. Di fronte a ciò è impossibile non mettere mano al portafoglio. Ma ecco che subito dopo, i volti ed i corpi devastati dalla fame di bambini negri ci catturano in un altro spot. Dopo l’Africa, si torna subito nel nostro paese e scorrono le immagini di bambini gravemente malati o portatori di handicap.

Tutti sono sbattuti in primo piano per toccare i cuori dei telespettatori sensibili. Per tutti costoro non valgono le regole del rispetto della persona, i visi appaiono ben visibili e riconoscibili, non sono sgranati, come accade per i figli dei vip sulle riviste che si leggono dalla parrucchiera. E non si dica che sono campagne meritorie di sensibilizzazione. Un po’ di pudore e di riservatezza non guasterebbe. Non guasterebbe nemmeno che le strutture statali preposte facessero il proprio lavoro e non gestissero male le proprie risorse. Non sono da condannare iniziative per il reperimento di fondi privati o il riconoscimento di chi si impegna in silenzio e con abnegazione, solo che un po’ più di attenzione alla privacy dei piccoli sfortunati non guasterebbe.

Sulla facciata del Palazzo della Civiltà del Lavoro di Roma, sono scolpiti i caratteri che idealmente, almeno nella mente di chi li aveva pensati, rappresentano gli italiani. Fra questi spiccano “eroi” e “santi”, niente di più vero; eroi perché costretti ogni giorno a combattere con una quotidianità imprevedibile e santi perché tirati per la giacchetta a destra e a sinistra dalle organizzazioni di volontariato o non governative più o meno note, da enti più o meno morali, tutti impegnati a chiedere soldi.

articolo pubblicato il: 27/08/2017 ultima modifica: 09/09/2017

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it