torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
"I paesaggi genomici del cancro e l'invecchiamento"

all'Instituto Cervantes di Milano


Instituto Cervantes di Milano e ASIERI. Asociación de Investigadores Españoles en la República Italiana. presentano

I paesaggi genomici del cancro e l’invecchiamento

Conferenza giovedì 15 giugno, ORE 18:00 Instituto Cervantes Via Dante, 12 - Milano

Negli ultimi anni, lo straordinario impulso della biologia molecolare ha permesso l'analisi rigorosa e approfondita delle questioni fondamentali sulla natura della vita e delle malattie umane. In questo contesto, studi di genomica di processi complessi come il cancro e l'invecchiamento hanno cominciato a occupare un posto molto importante nel gruppo dei problemi scientifici visti da un nuovo punto di vista. Il genoma umano possiede 3.000 milioni di nucleotidi e circa 25.000 geni che generano un universo di messaggi armonici che rendono possibile ogni momento della nostra vita. Perché tutto questa armonia molecolare si perde e le cellule si indeboliscono, i tessuti perdono le loro funzioni e il corpo invecchia e si ammala? Sará possibile controllare il cancro e altre malattie per le quali oggi non ci sono risposte giuste? Potremo in un futuro prossimo estendere la longevità? In questa conferenza si discuteranno lavori recenti del nostro laboratorio volto a cercare di fornire risposte a queste domande.

Carlos Lopez-Otín è professore di Biochimica e Biologia Molecolare presso l'Università di Oviedo, dove unisce il suo insegnamento con lo sviluppo della ricerca sul cancro, l'invecchiamento e l'analisi funzionale dei genomi. Il gruppo che dirige ha scoperto più di 60 nuovi geni umani coinvolti nella progressione tumorale e altri processi normali e patologici. Dal 2010, co-dirige il contributo spagnolo al Consorzio Internazionale dei Genomi del Cancro, che ha già decifrato il genoma e l'epigenome di centinaia di pazienti affetti da diversi tumori. Tra i più recenti lavori del gruppo c'è la scoperta di protesi anti-tumorali, la scoperta di due nuove sindromi di invecchiamento accelerato, l'identificazione di geni ereditari che causano la morte improvvisa e il melanoma ereditario, la definizione della chiave molecolare dell'invecchiamento umano e la descrizione delle possibili strategie per il controllo metabolico della longevità.

articolo pubblicato il: 31/05/2017

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it