torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Urgenze"

al Teatro Tordinona di Roma


Fino al 6 giugno Teatro Tordinona

Urgenze

Fino al 6 giugno prosegue al Teatro Tordinona la rassegna/concorso URGENZE, nata da un idea di Francesca Romana Picardi Miceli, autrice, regista e attrice, qui sostenuta e coadiuvata da Ulisse Benedetti, Lara Panizzi e Marianna Stoico, che ha incontrato un particolare interesse di pubblico. Più di 110 testi arrivati per questa prima edizione, e soltanto dodici compagnie scelte, che sono state e saranno ancora presentate al pubblico e alla partecipe giuria (Daria Veronese, Vania Castelfranchi, Valentina Martino Ghiglia, Ilaria Guidantoni, Sissi Corrado, Eliana Naddeo, Fabio Pontecorvo, Emilio Barone, Paolo Triestino, Alessandra Cotogno, Cecilia Bernabei, Francesca Satta Flores, Paolo Iacobazzi, Irene Ranaldi, Danila Blasi, Marina Carteny) fino alla proclamazione dei vincitori (6 giugno).

Ancora da vedere: 1 Giugno ore 21 Il ritorno di Giesù di e con Michele Palmiero; 2 Giugno ore 21 The Monster drammaturgia di Mara Venuto, regia di Vladimir Voccoli, con Anna Colautti, Emanuela D'Addario, Francesca Passantino e Vladimir Voccoli, coreografie di Paola Miccoli e Emanuela D'Addario per DanceLab, disegno luci e tecnico di scena Ciro Lupo; 3 Giugno ore 21 Lo Inferno di e con Claudio Sportelli e Nathalie Bernardi; 4 Giugno ore 21 Sotto i girasoli di Davide del Grosso con Davide del Grosso, Francesco Errico e Andrea Lietti

Mediapartnership di Urgenze 2017: MapMagazine giornale freepress di cultura e intrattenimento che verrà diffuso al pubblico partecipante edito da Pier Paolo Mocci. Due i premi in palio: Premio miglior testo e spettacolo: 6 giorni per la messa in scena dello spettacolo presso il Teatro Tordinona (pieno incasso per la Compagnia); Premio miglior testo: 3 giorni per la messa in scena dello spettacolo presso il Teatro Tordinona (pieno incasso per la Compagnia)

Per Info e prenotazioni urgenze2017@gmail.com fino al 6 giugno 2017 TEATRO TORDINONA SALA STARSBERG Via degli Acquasparta, 16 info: 06.7004932 costo del singolo biglietto 10 Euro Abbonamento a quattro spettacoli: 25 Euro Abbonamento a dodici spettacoli : 75 Euro

1 Giugno ore 21 Il ritorno di Giesù di e con Michele Palmiero Il Ritorno di Giesù è uno spettacolo poetico e surreale sul tema della fede che ho già avuto modo di presentare come Corto Teatrale e che ora propongo come spettacolo integrale. Che cosa succederebbe se il Figlio di Dio, dopo 2000 anni di assenza, si decidesse a scendere nuovamente sulla terra? Come reagirebbero gli abitanti della terra a questa ipotesi? Per i cristiani, per esempio, sarebbe una bella cosa. Ma per gli altri? I Mussulmani, i Buddhisti, gli Atei... E al Ritorno di Gesù dopo tanto tempo noi umani crederemmo davvero o per noi sarebbe solo un impostore? Sono queste le domande che mi sono fatto lavorando a questo spettacolo e ciò che ne è risultato fuori è un monologo tragicomico in cui un povero netturbino racconta, in prima persona e senza nessun filtro, del suo viaggio verso l'Aldilà per convincere il Signore a riscendere sulla terra. Mi interessava affrontare il tema della fede e indagare il rapporto che hanno gli uomini con essa. Mi sono reso conto che la fede è un mistero irrisolvibile in vita poiché di fronte a qualunque segno divino, di qualunque entità, resterebbero sempre gli scettici così come i credenti, quelli che vorrebbero spiegare tutto con la scienza, e quelli che vorrebbero spiegare tutto con la fede. Se qualcuno ti dicesse di essere il figlio di Dio tu gli crederesti? Io credo di no... Capire ciò che c'è dopo la morte, dunque, è una sorta di scommessa che potremmo sapere vincente solo dopo di essa. Ciò che ci resta da fare dunque è aspettare la fine (si spera molto lontana) e sperare che la scommessa (credo o non credo) sia stata vincente.

2 Giugno ore 21 The Monster Drammaturgia di Mara Venuto Regia di Vladimir Voccoli, con Anna Colautti, Emanuela D'Addario, Francesca Passantino e Vladimir Voccoli; coreografie di Paola Miccoli e Emanuela D'Addario per DanceLab; disegno luci e tecnico di scena Ciro Lupo Il 9 giugno. Lara Molli ha cerchiato quella data sul calendario perché è il giorno in cui la sua vita cambierà: l'audizione per un nuovo Talent Show rappresenta la sua chance per dire finalmente addio a una famiglia problermatica e distante, ai coetanei che l'accettano, all'alienante quartiere di periferia dove è nata e cresciuta. Lara è caparbia e ha tanti sogni: cosa le manca per realizzarli? “THE MONSTER ”, testo finalista al "Mario Fratti Award 2014", racconta le vicende e i conflitti di Lara, una ragazza intelligente e smarrita, che desidera partecipare ai casting per un nuovo programma televisivo. Il monologo indaga e ci mostra l’impossibilità di bastare a se stessi e il bisogno ossessivo di trovare all’esterno un senso individuale. In una confessione senza freni davanti a un pubblico immaginario, lo stesso che sogna di avere, Lara incarna ed esprime i contrasti di una società sempre più dipendente: dal cibo, dal gioco, dal lavoro, dal sesso, dallo shopping, dai social network e dall’approvazione altrui. Dietro l'assillante bisogno di essere lodati, applauditi, dietro i selfie e l'ansia di accumulare like sulle piazze virtuali, si nasconde un profondo bisogno affettivo insoddisfatto e un amor proprio fragilissimo. Il desiderio di essere apprezzati da masse di ammiratori senza volto, diventa l'ennesima fuga dalla realtà a cui induce un'epoca forse troppo deludente e faticosa da vivere. Fra amori consumati troppo in fretta, precarietà esistenziali e un grosso problema di cui liberarsi, Lara cerca rifugio nei ricordi e nei sogni: da bambina suo nonno l'amava per quello che era, poi lui è morto e tutto è cambiato, ora deve cavarsela da sola. Solo superando quel provino sentirà di esistere davvero e di valere qualcosa, anche agli occhi di chi ha accanto. Ecco perché non permetterà a nulla di fermarla, nemmeno alla realtà...

3 Giugno ore 21 Lo Inferno di e con Nathalie Bernardi e Claudio Sportelli Testo e Regia Claudio Sportelli; Aiuto regia e Testi Nathalie Bernardi; Costumi Francesca Puopolo; Luci Pietro Striano "Mai ti farò entrare nel mio Inferno privato, ne sono troppo geloso" Lo spettacolo nasce da un'intima riflessione sul tema dell'inferno, quello privato e quello condiviso. Diceva Gibran "Mai ti farò entrare nel mio Inferno privato, ne sono troppo geloso". Ma che cosa rende "infernale "l'Inferno? Non la pena in sé ma la consapevolezza del ripetersi della suddetta una eternità senza via d'uscita come quella che imprigiona i due anziani protagonisti, condannati a riprodurre gli stessi gesti e a nutrirsi di ricordi per tollerare il presente La possibilità di cambiare esiste sempre, per quanto sofferta e coraggiosa. La pièce prende spunto da atmosfere volutamente beckettiane: due grotteschi personaggi, un uomo e una donna, marito e moglie, gravitano in un tempo/spazio sospesi, in cui la sola certezza è la reiterazione. Gioia, noia, disperazione, ribellione si dipanano attraverso flash back che rivelano una vita trascorsa insieme, forse felice, forse fallita. E' una domanda ricorrente "Chi ci ha rubato il tempo?".

4 Giugno ore 21 Sotto i girasoli di Davide del Grosso con Davide del Grosso, Francesco Errico e Andrea Lietti Regia Isabella Perego, Scenografia e costumi Mariachiara Vitali Lo spettacolo travalica le vicende personali di un soldato travolto dagli eventi tragici di quegli anni: l’intento è di affrontare il tema della guerra da un punto di vista più ampio, antropologico e universale. Per andare ancora più a fondo e oltre il fatto storico, la vicenda viene allargata a tre personaggi: tre ventenni tra i quali lo stesso Augusto, costretti a partire per il fronte portando con sé tutta la loro vitalità, la loro gioia di stare al mondo, la loro amicizia, la spensieratezza di chi vuole credere che la vita sia un dono troppo grande e meraviglioso per poterlo perdere in una guerra folle. Lo spettacolo si basa sulla testimonianza diretta di Augusto Tognetti nonno della regista, Isabella Perego: dapprima inviato forzatamente dal regime fascista in Russia per combattere nella Seconda Guerra Mondiale.

articolo pubblicato il: 31/05/2017

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it