torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
"Tesori della Valnerina"

Scoprendo l'Umbria


Un aumento dei visitatori e delle persone interessate a conoscere l'arte e la storia nella rete museale dell'Umbria: si dimostra vincente il progetto "Scoprendo l'Umbria" realizzato dalla Regione Umbria per promuovere i musei umbri dopo il terremoto che ha colpito la Valnerina. "Scoprendo l'Umbria" ha preso il via il 5 marzo a Spoleto, alla Rocca albornoziana - Museo nazionale del Ducato, con "Ospiti in Rocca", una prima esposizione di sette opere provenienti dai territori delle Marche, del Lazio e dell'Umbria colpiti dal sisma, per poi proseguire fino al 30 luglio con la mostra "Tesori della Valnerina", in cui sono esposte opere recuperate da chiese e musei, restaurate anche con il sostegno dei restauratori dei Musei Vaticani, dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze e di altri restauratori incaricati dalla Soprintendenza all'Archeologia, Belle arti e Paesaggio dell'Umbria.

"Un progetto – ricorda l'assessore regionale alla Cultura, Fernanda Cecchini – con cui abbiamo voluto mettere in primo piano le risorse di una terra che reagisce agli eventi avversi con la forza del patrimonio culturale conservato negli oltre 170 tra musei, ecomusei e siti archeologici. E, da un primo bilancio, emerge che questo messaggio che lanciamo dalle terre del Perugino, di Giotto, del Signorelli e di Burri, anche mettendo in mostra opere tratte in salvo dall'ingiuria degli eventi sismici, ha colto nel segno richiamando un gran numero di visitatori. Già il numero dei visitatori della mostra ‘Tesori della Valnerina' sembra confermare la buona intuizione del progetto. Dall'inizio dell'attività espositiva sono stati quasi 10mila i visitatori".

Risultati eccellenti anche per i social media e il sito internet dedicati al progetto: la pagina Facebook "Scoprendo l'Umbria", attiva dal 5 marzo, è seguita da oltre 4350 persone, con una crescita costante del numero e dell'interesse suscitato, tanto che con un solo "post" sono state raggiunte 35mila persone; hanno di gran lunga superato le 6200 le visualizzazioni del sito web www.scoprendolumbria.it che presenta il progetto e le tante opportunità che offre per la conoscenza dell'intera rete museale umbra e che, fino al 30 luglio, propone un evento unico quale la possibilità di visite guidate al Deposito per i beni culturali di Santo Chiodo di Spoleto, dove sono ricoverate temporaneamente le opere che vengono "curate" per poi essere ricollocate nei luoghi di origine.

A tutto questo si aggiunge la grande risposta da parte dei musei del territorio regionale. Oltre ottanta, infatti, hanno aderito a questo progetto di promozione offrendo sconti sugli ingressi. Ai visitatori, insieme al biglietto della mostra, viene consegnata una "card" da esibire alle biglietterie dei musei aderenti all'iniziativa per ottenere sconti e agevolazioni. In collaborazione con i musei aderenti, è stato deciso che la tessera sarà lasciata al possessore che, fino al 30 luglio, avrà così l'opportunità di poter conoscere e visitare la maggior parte dei musei aderenti all'iniziativa. I musei dell’Umbria aderenti sono indicati nel sito www.scoprendolumbria.it Un invito a scoprire e riscoprire testimonianze artistiche che hanno segnato la storia di questa terra. Centinaia di proposte, itinerari e curiosità in grado di suscitare emozioni intense in chi le vive. L’Umbria reagisce così agli eventi con la forza del suo patrimonio culturale. "Gli ottimi risultati finora raggiunti da ‘Scoprendo l'Umbria' – conclude l'assessore Cecchini – ci fanno ben sperare in una crescita ulteriore di presenze nei nostri musei al fine di far conoscere il patrimonio culturale che racchiudono e sensibilizzare un maggior numero di persone sulla sua importanza. E su una terra che, anche promuovendo le sue bellezze artistiche, reagisce alle difficoltà legate al terremoto che ne ha colpito solo una piccola parte".

La mostra “Tesori dalla Valnerina”, allestita nella prestigiosa sede della Rocca Albornoziana di Spoleto fino al 30 luglio 2017, è nata da un’intesa tra Regione Umbria e Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per dare conto di un primo intervento di messa in sicurezza e restauro di un gruppo di 30 opere provenienti dalle chiese danneggiate dalle scosse di terremoto e dal Museo della Castellina di Norcia, anch’esso chiuso per inagibilità. Sculture, dipinti, manufatti, oggetti di oreficeria, arredi e volumi sacri focalizzano il racconto, personale e partecipato, di luoghi e percorsi storici, restituendo una visione della ricchezza artistica di questo straordinario territorio. Le opere sono state prelevate dagli edifici, grazie al grande lavoro delle squadre formate dai tecnici del Ministero, dai Vigili del Fuoco, dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, dall’Esercito e dai volontari della Protezione Civile, e quindi ricoverate nel deposito di sicurezza in località Santo Chiodo di Spoleto, di proprietà della Regione Umbria e concesso nella fase ‘emergenza’ al MiBACT per tutte le attività di salvaguardia dei beni culturali.

Orari di apertura: dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 19.30, lunedì dalle 9.30 alle 13.30; aperture straordinarie in occasione di eventi speciali, ponti e festività. Ultimo ingresso 45 minuti prima della chiusura. Tariffe: L’ingresso alla Rocca Albornoziana – Museo Nazionale del Ducato di Spoleto comprende la visita alla mostra. Intero € 7,50, ridotto € 3,75 (da 18 a 25 anni), gratuito fino a 17 anni, fatte salve le agevolazioni previste dal regolamento di ingresso ai luoghi della cultura italiani, consultabili nel sito web del MiBACT. Ingresso gratuito la prima domenica del mese. Spoleto Card: Red Card € 9,50, Green Card € 8,00 (+ 65, da 7 a 25 anni, gruppi oltre 15 persone). Con la card consegnata insieme al biglietto della mostra è possibile usufruire di agevolazioni in molti musei dell’Umbria (biglietti ridotti e sconti), indicati su www.scoprendolumbria.it Info e prenotazioni: Sistema Museo biglietteria e accoglienza tel. 0743 224952 – 340 5510813, spoleto@sistemamuseo.it – www.scoprendolumbria.it

articolo pubblicato il: 31/05/2017

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it