torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

musica
"Così parlò Zarathustra"

all'Auditorium Parco della Musica di Roma


Il concerto della Stagione Sinfonica dell’Accademia di Santa Cecilia (Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia - giovedì 2 marzo ore 19.30 - venerdì 3 ore 20.30 - sabato 4 ore 18) è diretto da Andris Poga (per importanti problemi di salute Andrés Orozco-Estrada non potrà mantenere il suo impegno). Il programma impagina l’Idilio di Sigrifido di Wagner e il celebre poema sinfonico Così parlò Zarathustra di Richard Strauss, il cui incipit iniziale è legato nell’immaginario collettivo alle scene iniziali di 2001 Odissea nello spazio, il celebre film di Stanley Kubrick.

Se Strauss era reputato l’erede della corrente dell’avanguardia neotedesca - avviata con Liszt e Wagner - che insisteva sulla necessità di donare alle composizioni musicali un contenuto programmatico, letterario o narrativo che chiarisse il contenuto musicale Saint Saëns è stato uno degli ultimi pianisti-compositori che diedero lustro alla musica francese della fine dell’Ottocento. Interprete del Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 sarà il pianista francese Bertrand Chamayou specialista del repertorio romantico, vincitore di tre prestigiosi Victoires de la musique e di un Gramophone Choice, al suo debutto ceciliano.

Stagione Sinfonica Auditorium-Parco della Musica - Sala Santa Cecilia giovedì 2 marzo ore 19.30 - venerdì 3 ore 20.30 - sabato 4 ore 18 Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia Andris Poga direttore Bertrand Chamayou pianoforte

Wagner, Idillio di Sigfrido Saint-Saens, Concerto per pianoforte n. 2 Strauss, Also sprach Zarathustra

Biglietti da 19 a 52 Euro I biglietti possono essere acquistati anche presso: Botteghino Auditorium Parco della Musica Viale Pietro De Coubertin Infoline: tel. 068082058 Prevendita telefonica con carta di credito: Call Center TicketOne Tel. 892.101

Andris Poga si è diplomato in direzione d’orchestra all’Accademia di Musica “Jazeps Vitols” in Lettonia. Ha inoltre studiato filosofia all’Università della Lettonia e, dal 2004 al 2005, ha studiato direzione con Uros Lajovic a Vienna. Durante gli anni di studio, ha anche partecipato masterclass tenute da direttori del calibro di Mariss Jansons, Seiji Ozawa e Leif Segerstam. Dal 2007, anno in cui ha ricevuto il ‘Latvia Great Music Award’, Andris Poga intrattiene una stretta collaborazione con le maggiori orchestre del suo paese d’origine: l’Orchestra Sinfonica Nazionale Lettone, l’Opera Nazionale di Lettonia e Professional Symphonic Band di Riga, di cui è stato anche direttore musicale dal 2007 al 2010. Nel maggio del 2010 è stato insignito del primo premio al Concorso Internazionale ‘Evgeny Svetlanov’ di Montpellier. In seguito a questa importante vittoria, Andris Poga è stato nominato nel 2011 assistente di Paavo Järvi all’Orchestre de Paris per un triennio e, nel 2012, ‘assistant conductor’ della Boston Symphony Orchestra (che ha diretto sia in stagione sia al Festival di Tanglewood). Figurano inoltre collaborazioni con l’Orchestra del Gewandhaus di Lipsia, i Münchner Philharmoniker, l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, la New Japan Philharmonic (Suntory Hall), l’Orchestre National de France (Auditorium de Radio France), l’Orchestre National de Lyon, l’Orchestre Philharmonique de Monte Carlo, l’Orchestre National du Capitole de Toulouse, la China Philharmonic Orchestra, i Bamberger Symphoniker, l’Orchestre Symphonique du Québec, la Svetlanov Symphony Orchestra of Russia. Nel settembre e dicembre del 2013 Andris Poga ha sostituito George Prêtre e Mikko Franck alla Salle Pleyel con l’Orchestre de Paris dirigendo opere di Poulenc, Cajkovskij e Šostakovic, ottenendo un grandissimo successo. Nell’ottobre del 2014 ha sostituito Lorin Maazel e Valey Gergiev in una trionfale tournée asiatica. Dal novembre 2013 Andris Poga è il Direttore Musicale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale Lettone. Nel maggio 2015 una lunga standing ovation ha concluso l’esecuzione del Requiem di Verdi al Théâtre des Champs Elysées di Parigi.

Bertrand Chamayou si è affermato nella scena musicale internazionale esibendosi in luoghi come il Théâtre des Champs Elysées, il Lincoln Center, la Herkulessaal di Monaco di Baviera e la Wigmore Hall di Londra. È apparso in importanti festival tra cui il Mostly Mozart Festival di New York, il Festival di Lucerna, il Rheingau Festival, il Rotterdam Gergiev Festival e il Klavier-Festival Ruhr. Nella stagione 2014/15 si è esibito ad esibirsi con numerose orchestre internazionali tra cui l'Orchestre de Paris, la Danish National Symphony Orchestra, l'Orchestre Philharmonique du Luxembourg. Con Sol Gabetta si è esibito alla Zürich Tonhalle, al Baden-Baden Festspielhaus, alla Philharmonie di Berlino e al Prinzregententheater di Monaco di Baviera. Inoltre, Chamayou ha eseguito le Visions de l’Amen di Messiaen con Roger Muraro al Théâtre des Champs-Elysées di Parigi. Chamayou ha collaborato con orchestre di fama mondiale tra cui l'Orchestre de Paris, le Orchestre Filarmoniche di Londra e Rotterdam, la Deutsche Kammerphilharmonie di Brema, la HR-Sinfonieorchester, la WDR Sinfonieorchester di Colonia, l’Orchestre National de France e la Danish National Symphony Orchestra. Ha collaborato con direttori del calibro di Pierre Boulez, Leonard Slatkin, Sir Neville Marriner, Semyon Bychkov, Michel Plasson, Louis Langrée, Jérémie Rhorer, Stéphane Denève, Ludovic Morlot e Andris Nelsons. Per la musica da camera si è esibito con Renaud e Gautier Capuçon, il Quatuor Ebène e Antoine Tamestit. Ha inciso un CD con Naïve con musiche di César Franck che ha ottenuto numerosi riconoscimenti tra cui il Gramophone Editor’s Choice. Nel 2011 ha celebrato il 200° anniversario di Liszt con la registrazione de l’Années de Pèlerinage - sempre per Naïve – e si è esibito in varie sale da concerto in tutto il mondo. L'album ha ricevuto numerose recensioni entusiastiche a livello internazionale ed ha vinto nuovamente il Gramophone Choice nel marzo 2012. Chamayou è stato l'unico artista a vincere i prestigiosi Victoires de la Musique di Francia in ben tre edizioni. A 20 anni, gli è stato conferito un premio all’International Long-Thibaud Competition.

articolo pubblicato il: 28/02/2017

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it