torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

musica
Duke Garwood in concerto

al Teatro della Concordia di San Costanzo


Venerdì 24 febbraio al Teatro della Concordia di San Costanzo appuntamento con Duke Garwood, cantautore e polistrumentista inglese che torna sulla scena musicale con il nuovo Garden of Ashes, dopo essersi lasciato alle spalle Los Angeles e il lavoro con Mark Lanegan. Il concerto è proposto nell’ambito di TeatrOltre, un palcoscenico per i linguaggi più innovativi realizzato su iniziativa del Comune di San Costanzo con AMAT e il contributo di Regione Marche e Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ed è anche parte del cartellone di Klang altri suoni, altri spazi rassegna realizzata in collaborazione con Loop Live Club.

Dopo essersi lasciato alle spalle Los Angeles e il lavoro con Mark Lanegan, Duke ha preferito registrare il nuovo album Garden of Ashes più vicino a casa, in parte nel suo studio a 'Valley Heights' e in parte al 'Giant Wafer' in Galles con il produttore Strat Barrett. La sua musica è un cantautorato di ispirazione blues che affonda le radici nella tradizione rurale americana; c’è poco o nulla della sua natia Londra, non le brume umide e nebbiose di Albione, ma i polverosi deserti americani che bagnano dei loro umori aspri e selvaggi le sue composizioni.

Josh T. Pearson lo ha definito come “ciò che di più vicino al paradiso si possa raggiungere con una chitarra”. Molto amato da colleghi illustri come Kurt Vile, Greg Dulli e Josh T. Pearson, che riconoscono in lui un indiscusso talento, Duke è noto anche per le numerose collaborazioni che lo hanno visto al fianco oltre che di Mark Lanegan anche di Savages. Mark Lanegan lo ha descritto come "uno dei suoi artisti preferiti di tutti i tempi" e lavorare con lui è stata "una delle migliori esperienze della mia vita lavorativa”.

Di fronte a un'apocalisse, tutti abbiamo bisogno di una casa sicura. Non un posto in cui nasconderci, ma da rivendicare come nostro. Nel suo nuovo album Duke Garwood ha creato il posto perfetto per ognuno di noi. "Sono un uomo arrabbiato; così arrabbiato da bruciare l'aria che ho intorno. Questo è il combustibile nucleare che utilizzo per fare musica", dice Duke. "In un mondo così pieno di dolore e di follia abbiamo bisogno di esserlo più che mai e di evolverlo. Per diventare padroni del nostro destino e smettere di ascoltare quelli che vorrebbero rubarci anche il nostro ultimo respiro”. Per un artista che sostiene di essere arrabbiato, nella sua musica c’è tanto amore da impedire un Armageddon, perchè l'unico modo per combattere l'angoscia è la positività. Questo è il messaggio che si cela dietro il sesto album di Duke. "Faccio bella musica, perché non abbiamo bisogno di musica arrabbiata in questo momento. Tutti possono accendere il televisore e vedere lo spettacolo dell'orrore, non hanno bisogno di sentirlo anche allo stereo". Tutta questa frustrazione può essere solo incanalata in Garden of Ashes. "Questo album è ambientato intorno alla mezzanotte nel giardino dell’amore. Il giardino del bene e del male. Il giardino del paradiso che sappiamo essere stato distrutto per soddisfare l’avidità delle persone. È tutto bruciato. Lo abbiamo reso cenere".

Biglietti 10 euro, ridotto 8 euro. Informazioni presso biglietteria Teatro della Concordia 0721 950124, il giorno di concerto dalle 19. Prevendite presso biglietteria Teatro Rossini di Pesaro 0721 387621 – 20 e punti vendita del circuito AMAT (info su www.amatmarche.net). Inizio concerto ore 21.

articolo pubblicato il: 21/02/2017

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it