torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Per essere ancora insieme a loro"

al Teatro Marchesa di Torino


“Per essere ancora insieme a loro”
Balletto dedicato al giorno della memoria

Coreografie di Renè e Marco Cosenza Libretto di Lia Cucconi Musiche di: Gustav Mahler, Johannes Brahms, John Taverner, John Towner Williams, Witold Lutoslawski, Personaggi ed Interpreti: Marco: Marco Cosenza - Catia: Giulia Calcina La Kapo’: Luana Schilardi, La pazzia: Maria Elena Bosia, La Guerra: Michele Prudente La Vita: Fiorella Grasso, La Morte: Lucrezia Seminara Ebree: Martina Stagnì, Alina Rasu, Rebecca Parrinello Soldati SS: Renè Cosenza, Alin Andrei, Artiom Melnicenco Partigiani: Paolo Nalli e Roberto Iannone

Ingresso: Intero 7 Euro Ridotto: 5 Euro fino ai 12 anni

Il 27 Gennaio in Italia e in molte altre Nazioni è il giorno della memoria. Quando parliamo di memoria non possiamo non pensare all’olocausto, specialmente nel giorno che ci riporta alla stessa data del 1945, quando le truppe sovietiche dell’armata rossa arrivarono nella città polacca di Auschwitz, scoprendo gli orrori del campo di concentramento più tristemente conosciuto.

La Compagnia di Danza L’Araba Fenice, si è proposta, nel realizzare questo programma, di proseguire con gli strumenti della Danza Classica e Contemporanea, il suo intento di affrontare storico-sociali nella forma del Balletto, senza mai dimenticare l’aspetto estetico e poetico delle possibilità espressive del corpo nella Danza. Questo balletto è stato presentato in Prima Nazionale nella stagione 2011-12 mentre nella stagione 2013-14 per delle successive rappresentazioni riceve Lettera di interesse dalla Presidenza della Repubblica: Giorgio Napolitano.

Così interpreta la trama di “PER ESSERE ANCORA INSIEME A LORO” e ci racconterà la storia di Marco e Catia, due giovani ebrei che si innamorano durante una festa in casa tra amici, ma la festa viene interrotta dal sopraggiungere delle SS che arrestano tutti i ragazzi e li deportano nei vari campi di concentramento; Marco riesce a nascondersi ed entrerà nella Resistenza ma purtroppo durante uno scontro a fuoco viene arrestato, identificato come ebreo, verrà deportato. Sulla scena si apre la vita nei campi di concentramento. Verrà non solo visualizzato e danzata la tragedia, ma le azioni verranno interagite con il pubblico, per coinvolgerlo emotivamente nella morte di Catia nella camera a gas. Finalmente, l’arrivo dei russi e degli americani porta fine a questo genocidio. Marco solo e senza più affetti, si chiede quale ragione ha di rimanere in vita, intorno a lui c’è il vuoto portato dalla Morte. Ma la Vita lo accoglie ancora e riesce ad allontanarlo dalla Morte. Marco comprende che deve vivere per testimoniare, raccontare, la sua esperienza, il suo dolore, perché attraverso la sua presenza e le sue parole vivrà e farà vivere “PER ESSERE ANCORA INSIEME A LORO”.

Biglietti: Intero 7 Euro, Ridotto 5 Euro (fino a 12 anni) VISTO IL NUMERO LIMITATO DI POSTI (99) SI CONSIGLIA LA PRENOTAZIONE AL NUMERO: 3388706798 Venerdì 27, sabato 28 ore 21 e Domenica 29 gennaio ore 16 al Teatro Marchesa.

articolo pubblicato il: 26/01/2017

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it