torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"girotondo.com"

al Teatro Filodrammatici di Milano


12 – 29 gennaio 2017 - Teatro Filodrammatici di Milano

girotondo.com

Ispirato a Girotondo di Arthur Schnitzler | testo e regia Bruno Fornasari con Tommaso Amadio, Alice Redini produzione Teatro Filodrammatici di Milano

Dal 12 al 29 gennaio torna lo spettacolo più provocatorio del Teatro Filodrammatici. girotondo.com è una versione contemporanea del Girotondo di Schnitzler, testo vietato dalla censura imperiale tedesca perché ritenuto pornografico. Al posto dei soldati, delle dame e dei nobili della Vienna fin de siècle, troviamo icone della nostra attualità come il vincitore di un reality costretto a fare il gigolò, l’insegnante di liceo innamorata del suo allievo e le ragazzine disposte a qualche sacrificio pur di far carriera. Lo spettacolo, diviso in sei scene, presenta una catena d’incontri sessuali a due, in cui uno deipersonaggi della scena precedente appare anche in quella successiva. La vittima illustre è proprio il sesso, ridotto di questi tempi a semplice strumento per ottenere privilegi, soddisfare ambizioni, esercitare potere e mettersi in mostra. girotondo.com è il mondo visto con un po’ di sconforto e un bel po’ di ridicolo, il mondo che si vedrebbe facendo zapping in un hotel di lusso con pay per view in offerta speciale e la speranza che qualcun altro paghi il conto.

Scrive John Hodge “Questo è Girotondo, ma non come lo conosciamo noi. Questa è storia di oggi, o meglio un’esplorazione di come viviamo e amiamo ai giorni nostri. Bruno Fornasari ha scritto una tagliente e sagace cronaca di amore, sesso, morale, desiderio, felicità e squallore. […] Ma girotondo.com non ci lascia in un limbo. Sarebbe stato più facile per l’autore lasciare ogni incontro senza prospettive, e appunto c’è, io credo, qualcosa di Beckett in alcuni scambi che c’incoraggiano a prevedere, anzi proprio ogni scena fornisce un’adeguata progressione, alcune più di altre, nel suggerirci una conclusione, o – perché no? – un sequel.

Testo pubblicato da Cue Press - prefazione di John Hodge

articolo pubblicato il: 03/01/2017

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it