torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Sgarbi racconta Giotto"

al Teatro Sanzio di Urbino


Venerdì 23 dicembre il Teatro Sanzio di Urbino ospita in una serata di beneficenza dal sapore esclusivo, Vittorio Sgarbi con Sgarbi racconta Giotto. Il critico d’arte conduce gli spettatori attraverso la vita e la pittura del genio artistico di Giotto, con la sua capacità unica di infondere nuova linfa alle storie dell'arte, grazie al connubio tra solida competenza e brillante capacità divulgativa che da sempre connota il suo operare.

Giotto, pittore e architetto fiorentino simbolo dell'intero Medioevo, è considerato l'artista che ha rinnovato la pittura italiana. La gloria di Giotto è affidata a opere sparse in quasi tutta la penisola, da Roma a Firenze, da Assisi a Rimini fino a Padova; la sua importanza fu tale da influenzare non solo le scuole pittoriche del Trecento, ma anche gli artisti del Rinascimento. Giotto conobbe particolare e vastissima fama anche presso i propri contemporanei, la sua personalità artistica fu costantemente presente agli intellettuali del tempo (Dante, Boccaccio, Petrarca), in quanto unanimemente riconosciuta come momento di snodo della cultura pittorica occidentale, in un'ottica anticipatrice dei valori formali - ma anche ideali - del Rinascimento che nel corso dei secoli successivi riceveranno una più esplicita codificazione.

L’appuntamento pre-natalizio rientra nel cartellone della stagione del Teatro Sanzio di Urbino realizzata su iniziativa del Comune in collaborazione con AMAT e con il contributo della Regione Marche e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Informazioni e biglietti (da 10 a 20 euro): Teatro Sanzio 0722 2281, AMAT 071 2072439, www.urbinonews.it, www.amatmarche.net. Inizio spettacolo ore 21.

articolo pubblicato il: 20/12/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it