torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

elzevirino
sincerità, seconda puntata
di Teddy Martinazzi

Continua la telenovela della Ministra della Pubblica Istruzione. In un’intervista al Corriere della Sera ha dichiarato che non voleva mentire, perché sul C.V. poi corretto aveva scritto “Diploma di laurea” e non “Laurea”. Chiunque abbia frequentato con profitto l’Università è un laureato, in quanto in possesso di un Diploma di Laurea. La toppa è peggio dello strappo.

Ma la storia non finisce qui, perché si scopre che Valeria Fedeli non ha mai frequentato L’Istituto Magistrale, attuale Liceo Pedagogico, bensì la Scuola Magistrale, che dava la possibilità di insegnare soltanto in quelli che un tempo venivano chiamati Giardini d’Infanzia e popolarmente Asili. A differenza degli Istituti Professionali, nella triennale Scuola Magistrale non era prevista la possibilità di frequentare ulteriori due anni e quindi conseguire la Maturità ed accedere all’Università.

Barbara Palombelli ha consigliato alla Ministra di dimettersi, se non vuole essere presa a fischi ogniqualvolta si presenterà in una scuola. Ma lei non ci pensa, in quanto probabilmente per lei l’opinione degli altri è un optional. Bergamasca, vissuta tra Roma e Milano, è stata eletta senatrice in Toscana, prendendo il posto del senatore uscente Achille Passoni, il quale, incidentalmente, è suo marito. A La Repubblica dichiarò seccamente che sarebbe stata perdonata per questa inezia.

articolo pubblicato il: 16/12/2016 ultima modifica: 18/12/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it