torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

elzevirino
la lista
di Teddy Martinazzi

Anna Finocchiaro, nuova Ministra ai Rapporti con il Parlamento, è quella che gratificò di un rotondo “infame” Matteo Renzi che aveva stigmatizzato il fatto che fosse stata beccata all’Ikea mentre la guardia del corpo spingeva il carrello per lei. Qualcuno dirà che non c’è niente di male se un baldo giovanotto spinge il carrello di una signora non più giovane. Il male c’è, eccome, se il giovane in questione è pagato dal contribuente per essere pronto a tirare fuori la pistola in caso di pericolo per la personalità che sta scortando e non a schivare altri carrelli, passeggini e compratori distratti. Sempre che effettivamente per i politici ci sia bisogno di protezione e non di una scorta che è soprattutto status symbol.

Valeria Fedeli viene da una lunga militanza nel sindacato dei tessili della CGIL. Guiderà la Pubblica Istruzione, un esercito di docenti, bidelli, genitori che dalla scuola si aspettano l’impossibile e studenti senza speranze per il futuro.

Marianna Madia resta saldamente al suo posto alla Pubblica Amministrazione. Si è ripresentata a giurare con i suoi lunghi capelli, biondi, ricci e ben tagliati, nonostante la sua riforma si stata impallinata dai giudici costituzionali.

La Ministra della Difesa Roberta Pinotti è stata appena sbugiardata da Donald Trump, il quale ha detto che gli F35 costano troppo.

Beatrice Lorenzin, confermata alla Salute, ha dovuto ritirare di corsa per le proteste una costosa campagna per il Fertility Day, che sarebbe il Giorno della Fertilità. Peccato che la costosa campagna sia stata pagata dal contribuente.

La Sottosegretaria unica alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi è proprio colei che aveva affermato che in caso di vittoria del No al referendum si sarebbe immediatamente ritirata dalla politica.

Questa è la quota rosa. Per quella celeste, se così si può dire, basta guardare una fotografia di Alfano; ma gli altri non è che siano poi tanto migliori.

articolo pubblicato il: 12/12/2016 ultima modifica: 18/12/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it