torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
dittico lirico

al Teatro Pergolesi di Jesi


Venerdì 2 dicembre alle ore 20,30 e domenica 4 dicembre alle ore 16 con anteprima giovani mercoledì 30 novembre alle ore 16, va in scena al Teatro Pergolesi di Jesi il dittico Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni e Pagliacci di Ruggero Leoncavallo, in un nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con Opéra-Théâtre de Metz Métropole e Opéra de Toulon.

Sul podio Daniel Martinez Gil de Tejada, direttore spagnolo noto nei palcoscenici internazionali, direttore musicale di Òpera a Catalunya e presenza costante all’Òpera de Sabadell di Barcellona. La regia è del francese Paul-Émile Fourny, che torna a Jesi dopo il successo di Werther nel 2007. Le scene sono curate da Benito Leonori, i costumi da Giovanna Fiorentini, le luci da Fabrizio Gobbi, assistente alla regia Giovanna Spinelli, assistente alle scene Elisabetta Salvatori. Suona l’Orchestra Sinfonica “G. Rossini”, il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini” è diretto da Carlo Morganti, il coro delle voci bianche è il Pueri Cantores “Domenichino Zamberletti” diretto da Gianluca Paolucci.

In Cavalleria rusticana, protagonista nel ruolo di Santuzza è Norma Fantini, artista che rappresenta l’eccellenza dell’opera italiana nel mondo e che ha calcato i palcoscenici più importanti tra i quali Teatro alla Scala, Covent Garden di Londra, Metropolitan Opera di New York, Wiener Staatsoper, Opernhaus di Zurigo, Bayerische Staatsoper di Monaco, Staatsoper di Berlino, Liceu de Barcelona, Teatro Real di Madrid, Théâtre Royal de la Monnaie di Bruxelles, New National Theatre di Tokyo. Turiddu è interpretato dal giovane tenore rumeno Alin Stoica al suo debutto in Italia; il carrettiere Alfio è il baritono argentino Fabian Veloz, autorevole presenza nelle scene internazionali che giunge a Jesi dopo i recenti successi al Teatro Metropolitan di New York, Teatro Colon di Buenos Aires, a Santiago del Cile e a Metz. Completano la compagnia di canto Giovanna Lanza nel ruolo di Mamma Lucia, e Cristina Alunno che canta Lola.

Per Pagliacci, due interessanti debutti nei ruoli principali: Maria Teresa Leva, giovane soprano di Reggio Calabria, canta Nedda dopo aver cantato con successo, lo scorso maggio, Violetta nella Traviata all’Opera Royal de Wallonie di Liegi; interpreta il suo primo Canio il bielorusso Ilya Govzich, solista ospite del Teatro Bolshoi di Mosca e solista principale del Teatro di Saratov e di Helikon-Opera a Mosca. Tonio è Fabian Veloz, Silvio è Modestas Sedlevičius, Beppe è Christian Collia.

I due titoli sono il manifesto del verismo musicale, con spaccati di vita quotidiana e un’espressività portata all’eccesso, cui fa da sfondo l’onnipresenza oppressiva della religione cattolica: l’azione di Cavalleria Rusticana si svolge la Domenica di Pasqua e quella di Pagliacci nel giorno dell’Assunta. La musica trasporta in un quadro rurale ruvido e sottoposto alla violenza di un codice d’onore mediterraneo che porta inesorabilmente alla tragedia.

Nella messa in scena al Teatro Pergolesi, in un ambiente unico, che ricorda le dune di sale del Mar Mediterraneo, ritornano i temi cari al verismo: passione, gelosia e vendetta, ma anche il sogno, la speranza di felicità e la ricerca di un mondo migliore. Un colle aspro, affocato o lunare, per Cavalleria, o ricoperto di stracci per Pagliacci, accoglie i personaggi di storie senza tempo, messi di fronte al peso della realtà. In Cavalleria la protagonista Santuzza sembra far rivivere il suo dramma in un sogno; in Pagliacci, gli interpreti sono marionette manipolate dai fili del destino.

Cavalleria Rusticana è un’opera in un atto unico di Pietro Mascagni, tratta dall’omonima novella di Giovanni Verga, andata in scena per la prima volta nel 1890 al Teatro Costanzi di Roma; viene spesso rappresentata e incisa insieme a Pagliacci di Ruggero Leoncavallo, opera composta due anni dopo, in quanto questo è il modo in cui le presentò lo stesso Mascagni, dirigendole al Teatro alla Scala nel 1926. Il successo di Cavalleria fu enorme fin dalla prima rappresentazione. L’opera mette in scena il delitto d’onore compiuto nel giorno di Pasqua in un paesino della Sicilia di fine Ottocento.

Pagliacci è l’opera più rappresentata di Leoncavallo, e si ispira a una storia di cronaca realmente accaduta a Montalto Uffugo, in Calabria, quando il compositore era bambino: suo padre, che era magistrato, istruì il processo che portò alla condanna dell’uxoricida protagonista della terribile vicenda. L’opera fu rappresentata per la prima volta al Teatro dal Verme di Milano, con la direzione di Arturo Toscanini.

La 49ª Stagione Lirica di Tradizione del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi, è organizzata dalla Fondazione Pergolesi Spontini – presidente Massimo Bacci, amministratore delegato William Graziosi, direttore artistico Vincenzo De Vivo - con il sostegno di Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo, e della Regione Marche / Soci Fondatori Comune di Jesi, Comune di Maiolati Spontini / Partecipanti Aderenti Comune di Monsano, Comune di Montecarotto, Comune di San Marcello / Partecipante Sostenitore Camera di Commercio di Ancona / Fondatori Sostenitori Art Venture: Gruppo Pieralisi, Leo Burnett, Moncaro, New Holland-Gruppo Fiat, Starcom Italia / Charity partner Medici Senza Frontiere / Sponsor tecnico Santarelli & Partners / Sponsor principale Nuova Banca Marche.

Biglietti da 15 a 70 euro.

INFO www.operanconajesi.it www.fondazionepergolesispontini.com Biglietteria Teatro Pergolesi tel. 0731. 206888 Fondazione Pergolesi Spontini Tel. 0731.202944

articolo pubblicato il: 22/11/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it