torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

libri
"L'impero del cotone"

Sven Becker


Sven Becker

L'impero del cotone
Una storia globale

Il volume racconta come, ben prima della meccanizzazione della produzione nel 1780, imprenditori europei e potenti uomini politici ridisegnarono l’industria manifatturiera mondiale, unendo espansione imperiale e schiavismo, per trasformare il mondo.

«Dopo un quarto di secolo di studi fortemente specializzati, gli storici rivolgono le proprie attenzioni su periodi di tempo estesi e sulle dimensioni globali della storia. Come Thomas Piketty in Il capitale nel XXI secolo, il suo recente ed eccellente studio su salute e ineguaglianza, anche Sven Beckert con L’impero del cotone – una storia globale propone uno sguardo generale sulla questione. Il libro di Beckert però è più dettagliato e leggibile». Thomas Bender, «The New York Times» del 29/12/2014, leggi Nel leggere le pagine di questo imponente studio di Beckert il lettore rivive l'orrore dello sfruttamento e dell'alienazione che sono dietro il «capitalismo di guerra», fin dalle sue origini. La schiavitù e il dolore attraversano tempo e spazio e arrivano a noi con la loro crudele realtà.

«Si tratta di un libro per farvi pensare di nuovo alla maglia sulla vostra schiena, e chiedere quanto sangue ci sia dietro. Essa ha anche importanti implicazioni storiografiche e politiche. Probabilmente sin da Adam Smith, certamente dal momento in cui Eric Williams ha scritto Capitalismo e schiavitù, è stato stabilito che la schiavitù dello zucchero nei Caraibi ha avuto un ruolo principale nel lancio della rivoluzione industriale. L’impero del cotone parte da questo presupposto e mostra come essa sia diventata centrale per un capitalismo maturo, a dimostrazione che non possiamo cancellare la schiavitù umana come fosse una sbornia dei tempi feudali, per la quale i governi moderni, l’industria manifatturiera e il settore dei servizi finanziari non abbiano alcuna responsabilità diretta. Le campagne per le riparazioni dei danni causati dalla schiavitù e dal genocidio contro le popolazioni indigene dovrebbero ricevere un forte impulso da questo libro ben documentato».

Prima le compagnie commerciali, poi i governi nazionali, sostenuti dalle banche, trovarono nel cotone la materia prima per la nascente industria moderna. L'autore racconta come la reificazione dell'uomo viaggi attraverso i secoli, si sposti di continente in continente, sempre con le stesse dinamiche di violenza e sfruttamento.

Giulio Einaudi editore
La Biblioteca
pp. XXX - 610
€ 34,00
ISBN 9788806228491
Traduzione di Andrea Asioli

articolo pubblicato il: 30/10/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it