torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
Piccolo Festival dell'Essenziale

IV edizione


Piccolo Festival dell’Essenziale
IV edizione
Errore, Incanto, Esilio, Amicizia
le quattro parole-guida che verranno declinate in varie forme artistiche: danza, musica, letture, monologhi, cabaret, esperienze e dibattiti

Si tiene a Roma, sabato 15 e domenica 16 ottobre con inizio alle ore 18.30 presso l'Oratorio Baldini in piazza Campitelli, 9 (in pieno Centro), la quarta edizione del Piccolo Festival dell'Essenziale, a ingresso gratuito.

Nato da un'idea del poeta e scrittore Davide Rondoni, direttore artistico del Festival, l'evento si presenta come "un viaggio in quattro parole per scoprire l'essenziale del vivere" e si declinerà, nell'edizione 2016, nelle parole e concetti di Errore, Incanto, Esilio, Amicizia. “Di fronte alla crisi, umana prima ancora che economica e sociale - sottolinea Rondoni - di fronte al diffondersi del superfluo che illude con una felicità a basso prezzo, riempiendo il vuoto col nulla, si torna all’essenziale”. Su questi temi artisti ed intellettuali si confronteranno secondo approcci diversi: dalla poesia alla danza, dalla musica al teatro, dall’arte alla fotografia al cinema. Il programma della due-giorni prevede per entrambi alle ore 20:00 un piccolo buffet essenziale offerto dal festival. Programma completo del festival al link www.piccolofestivalessenziale.org

Sabato 15 ottobre la declinazione delle parole Errore e Incanto. Il Festival ha inizio alle ore 18:00 con i saluti del direttore artistico Davide Rondoni e di Massimo Ciambotti, Presidente della Fondazione Claudi. A seguire, alle 18:30 si parla di Errore nel dibattito ‘Guerra errore di prospettiva: non Dio, ma io’, a richiamare il tema della Misericordia nell’anno giubilare e nell’attualità: intervengono Enrico Bertoni, Direttore del Museo interreligioso di Bertinoro; Franco di Mare giornalista Rai; Rodolfo Casadei, giornalista e scrittore, moderati dalla giornalista Elisa Calessi. L’Errore è quindi declinato nella musica, con il chitarrista Costantino Caruccio, quindi nel cinema, con la presentazione del cortometraggio Scotoma, del regista Gipo Fasano. Alle ore 21:30 al centro della serata la parola Incanto, ovvero il tema della meraviglia e della necessità di continuare a stupirsi, con ‘Dare forma all’incanto’, esibizione del Maestro liutaio Michel Eggimann; quindi con ‘Il corpo, un linguaggio che canta’, e la danza grazie all’esibizione di Francesca Trenta, danzatrice di balli popolari e coreografa. Infine, l'Incanto con il sorriso, nell’intervento dell’attore e cabarettista Angelo Di Gennaro.

Domenica 16 ottobre, la declinazione di Esilio e Amicizia. La prima parola-guida, di strettissima attualità toccando il tema delle migrazioni, si svolge alle ore 18:00, con il monologo ‘Ci aspettano per ballare’, dell’attrice Lorena Ranieri. Quindi, L'incompiuto come esilio della forma con Beatrice Buscaroli, storica dell’arte e autrice del volume "Una vita non basta. Vita e genio di Michelangelo” (edizioni San Paolo). Alle ore 21:00 l’Amicizia, concetto sempre più snaturato nel mondo dominato dai social networks e dalle guerre contro il Diverso, nell’esperienza, con la testimonianza del saggista Maurice Bignami, ex terrorista di Prima Linea convertito e Claudio Di Loreto. Quindi, l’Amicizia nella letteratura, con concerto di canti, letture di poesie e racconti; un brindisi finale chiuderà la giornata e il Festival.

Il Piccolo Festival dell'Essenziale è promosso dalla Fondazione Claudi e da Amici di Marzo, in collaborazione con alcune giovani realtà romane non profit come il Centro Culturale Roma e gode del patrocinio dell'AIC - Associazione Italiana dei Centri Culturali. Spiega il direttore artistico Davide Rondoni "Da quattro anni il Piccolo Festival dell'Essenziale - nato da alcuni amici e alcuni artisti, sostenuto da Fondazione Claudi come sviluppo di una esperienza precedente - intende mettere a fuoco l'essenziale in alcune parole che segnano il nostro tempo. Così da offrire soprattutto attraverso le arti un momento in cui trattenere in questa epoca convulsa i tratti le idee e le esperienze su cui scommettere ancora con speranza. La cultura infatti è senso critico della esistenza e ricerca dell'essenziale per generare vita ancora. Anche quest'anno abbiamo scelto quattro parole che ci toccano e che sono "in questione" nella esistenza di tutti: errore, incanto, esilio, amicizia. Attraverso conversazioni, danza, musica, immagini, letteratura, poesia indagheremo coi nostri amici-ospiti (alcuni notissimi, altri invece personalità emergenti) l'essenziale di cui abbiamo fame per non disperderci e per costruire. Un Festival diverso dagli altri, segnato da sincera curiosità e da una amicizia che cerca. Non per esibizione ma per necessità. Un festival "povero" ma ricco, piccolo ma originale. Un appuntamento per molti romani e non, che offre il suo contributo senza gonfiarsi ma con la semplicità e la intensità di cui oggi abbiamo tutti bisogno. Quest'anno il Festival cambia luogo alla scoperta di un altro spazio bellissimo nel centro di Roma. "L'errore" come mostrato da recenti fatti può diventare ricatto che schiaccia le persone. E in errore ci inducono tante letture geopolitiche interessate. "L'incanto" sorge sempre a risvegliare la dose di infanzia e di stupore a cui tornare sempre. Ma in una epoca con tante armi di "distrazione di massa" siamo ancora capaci di "incantarci"? "L'esilio" è una condizione di tanti esseri umani anche all'interno della propria società - come vivere questa condizione ? "L'amicizia" sembra una parola tanto usata sui social quanto passata di moda nel suo aspetto costruttivo e portante della società. Sono questi solo alcuni degli spunti che ci portano per due giorni insieme al "Piccolo festival dell'essenziale".

articolo pubblicato il: 11/10/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it