torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

musica
"2Days Prog + 1"

VIII edizione


Domenica 4 settembre 2016 un appuntamento imperdibile per tutti i fan del progressive-rock: i Syndone partecipano alla VIII Edizione di 2Days Prog + 1 a Veruno (NO), il più importante festival italiano di prog-rock, seguito in tutto il mondo. La band torinese sarà tra i protagonisti del terzo e ultimo giorno del festival (in serata suoneranno anche nomi come Soft Machine Legacy e Anekdoten), che quest'anno ha in cartellone anche leggendari divi del classic rock come Uriah Heep e Saga.

"La nostra è una musica molto espressiva, a tratti decisamente sinfonica, tanto che a volte mi viene da definirla"Movie rock"! La cifra cinematografica di alcuni passaggi orchestrali si appoggia su un’idea concept (che vive di refrain e temi che si rincorrono), non su un discorso più segmentato di canzoni slegate tra loro. Il concept rappresenta la tradizione progressive, è giusto da parte nostra aderire agli stilemi classici per rispetto al genere, ma il principio alla base dei Syndone sin dalla loro nascita è andare sempre oltre". Orgoglioso della band che fondò nel 1989, Nik Comoglio ha guidato il nuovo corso dei Syndone fino a Eros & Thanatos, pubblicato a due anni di distanza dall'apprezzato Odysséas. Proprio grazie al successo del disco del 2014, i Syndone hanno intrapreso una fortunata stagione live che ha rafforzato la formazione, un singolare sestetto che rilancia la formula della band: unire la potenza ritmica, il carisma e l'energia del rock con il dinamismo, il fascino e la nobiltà della musica classica. Con l'aggiunta di un elemento caro al pubblico prog: il concept.

Il vocalist Riccardo Ruggeri si è cimentato in una avvincente rilettura del Cantico dei Cantici: "Il viaggio dell'essere umano tra le tensioni, le passioni e le emozioni è qualcosa di profondamente affascinante. Quando questi elementi si fondono con la scienza, la ricerca, l'etnomusicologia, la storia di territori violentati da millenni da guerre di religione, il cocktail diventa letale, e ci sono rimasto. Per un anno e mezzo ho letto confusamente il Cantico e materiali collegati rintracciati tra la rete e le biblioteche. Ho incamerato immagini, il punto di vista di Guido Ceronetti, esperienze di vita in parallelo, e ho lasciato che questa borsa esplodesse sulla musica di Nik. È stato appassionante, e risentire ora mi appassiona altrettanto".

Abili nell'unire la continuità stilistica con il perfezionamento e l'aggiunta di elementi nuovi, i Syndone di Eros & Thanatos hanno qualcosa in più, come sottolinea Comoglio: "La più importante differenza rispetto a Odysséas è che ora finalmente si "sente la band". Grazie ai concerti la line-up si è talmente consolidata da dare un valore aggiunto di unità e stile al nuovo lavoro, che ne è risultato più coeso. Poi l’orchestra, che ha aperto a nuove sonorità più potenti ed interessanti, il cantato arabo ed ebraico, che sottolinea la derivazione dal Cantico dei Cantici. Infine i due special guest...". Se in Odysséas erano Marco Minnemann e John Hackett, in Eros & Thanatos ci sono un gradito ritorno e una straordinaria presenza: Ray Thomas, cantante e flautista dei leggendari Moody Blues che torna in casa Syndone a quattro anni da La Bella è la Bestia, e l'amatissimo ex chitarrista dei Genesis Steve Hackett.

Syndone: Nik Comoglio – all keyboards/pipe organ/orchestration Riccardo Ruggeri – vocal/backing vocals/vocoder/12 string ac.guitar/lyrics Marta Caldara – vibraphone/piano, mellotron Gigi Rivetti – piano, hammond, moog, electric piano, clavinet Maurino Dellacqua – bass/fretless/taurus bass Martino Malacrida – drums/percussions

articolo pubblicato il: 01/09/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it