torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Refugees"

ai Giardini Della Filarmonica Romana


I Giardini Della Filarmonica Romana Via Flaminia, 118 - Roma 24 Luglio 2016 ore 21,30 I solisti del Teatro XXIII Edizione

Refugees

Ideato e diretto da Ugo Bentivegna Letture a cura di Valeria Contadino Ugo Bentivegna Aiuto Regia Letizia Dalla Nora Liberamente Tratto da “La notte della fuga” Avagliano Editore A cura del Centro Astalli Adattamento Testi Donatella Parisi Coreografie di Theodor Rawyler

Con la partecipazione di Agnese Allegra ballerina e cantante Enrica Arcuri cantante Rosario Marotta ballerino Yari Molinari ballerino Marco Ciardo compositore e musicista Letizia Dalla Nora attrice Stefano Grillo attore

Tecnico audio/video Francesca Corso Scene e costumi Erminia Palmieri Organizzazione Paolo Monaci Reportage Lampedusa a cura di Antonio Parrinello Una produzione FATTORE K. Con il Patrocinio dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza

Dare voce a coloro che voce non hanno: questo è il messaggio racchiuso nello spettacolo REFUGEES, in scena nella suggestiva cornice dei Giardini della Filarmonica Romana, il 24 Luglio, nell’ambito del Festival “I Solisti del Teatro”. Rifugiati, questo termine, spesso usato impropriamente, racchiude diverse tipologie di persone note e sconosciute: esseri umani accomunati da un destino avverso. Lo spettacolo vuole rappresentare simbolicamente la figura del rifugiato, raccontando quattro storie vere, alcune tratte dal libro “La notte della fuga”, edito da Avagliano Editore e curato dal Centro Astalli. Grazie alla collaborazione con la scrittrice Donatella Parisi, le storie sono state riadattate per la messa in scena, che vede protagonisti ragazzi provenienti dal Kurdistan, dalla Colombia, dalla Siria, dal Congo e dal Mali. Prosa, danza, canto, musica e immagini creano empatia nello spettatore, coinvolgendolo e portandolo a riflettere e immedesimarsi. Celati dietro le statistiche, con un elenco indefinito di volti e nomi, emergono essere umani con le loro vicende. Fa da sfondo, un excursus storico di rifugiati celebri e dell’emigrazione di massa degli italiani a inizio secolo. Filmati e foto inedite sugli sbarchi a Lampedusa e sull’esodo di popoli in Ungheria e nel resto d’Europa, daranno rilievo a quello che è il fenomeno che sta interessando l’intera umanità.

Letizia Dalla Nora introdurrà lo spettacolo con un excursus storico di rifugiati noti, tra cui: Gesù, Miriam Makeba, Isabelle Allende, Albert Einstein, Rudolf Nureyev e tanti altri. Cuore dello spettacolo le storie raccontate da Valeria Contadino e Ugo Bentivegna, accompagnate al pianoforte da Marco Ciardo, con interventi canori di Enrica Arcuri che interpreta grandi classici, con la partecipazione dei ballerini Yari Molinari, Rosario Marotta e Agnese Allegra. La quinta storia sarà raccontata direttamente da Soumaila, un ragazzo del Mali arrivato da poco in Italia e in attesa del riconoscimento dello Status di Rifugiato Politico. Lo spettacolo terminerà con la storia di Maria, giovane siciliana emigrata in Argentina agli inizi del ‘900, interpretata da Valeria Contadino.

articolo pubblicato il: 21/07/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it