torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

finanza
Brexit 2 la vendetta
di Vittorio Sordini

Si apprende, per una fuga di notizie non commentata dalla Commissione europea, che l’eventuale Brexit sarà accompagnato da una reazione da parte dell’Europa Comunitaria. Alcune importanti testate riportano che sia stata redatta una lista di misure da porre in atto che è stata denominata la “lista della vendetta”.

Ricordiamo che Londra ha recentemente ottenuto, per vie legali, che la sede delle compensazioni e degli scambi sui derivati in euro non fosse spostata a Francoforte sede della BCE. Furono così frustrate le preoccupazioni di Draghi riguardanti la possibilità di seguire direttamente eventuali momenti di crisi finanziaria, simili a quelli attraversati all’indomani del fallimento della Lehman Brothers. Venendo meno i requisiti di, almeno, appartenenza territoriale all’Unione Europea lo spostamento a Francoforte o a Parigi sarebbe un evento semplicemente conseguente all’eventuale Brexit. L’Europa ha però predisposto diverse altre misure destinate a marcare la nuova posizione tra E.U. e Regno Unito.

Si legge sia previsto:
la pronta espulsione dei funzionari britannici dalle istituzioni europee per motivi di “sicurezza e protezione dei dati”;
il rifiuto di negoziare accordi di libero scambio con il Regno Unito, e l’imposizione di tariffe commerciali;
carta bianca agli Stati membri circa la restrizione della possibilità di vivere e lavorare nell’Ue ai cittadini britannici;
il sostegno alle rivendicazioni della Spagna su Gibilterra;
una serie di misure finalizzate a potenziare l’uso istituzionale del francese e del tedesco, a spese dell’inglese;
la revoca dell’opzione britannica per Interrail e Erasmus;
la messa al bando dei drammi d’epoca della Bbc in ragione della tutela dell’identità culturale europea;
misure volte all’isolamento della City di Londra e spostamento dell’hub finanziario europeo a Francoforte o Parigi;
deportazione dei criminali britannici detenuti nelle carceri europee in Turchia in cambio di rifugiati.

Un vecchio adagio in voga a wall street recita: “Sell in May and go away, don't come back till St. Leger Day". Per i profani:” vendi tutto a maggio e non ricomprare prima del 27 settembre cioè non prima del giorno in cui si corre la St Leger Stakes una gara equestre risalente al 1776. Si prevede un’estate torrida per i mercati finanziari.
www.sorvittor blogspot.com

articolo pubblicato il: 02/04/2016 ultima modifica: 08/04/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it