torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

elzevirino
una formula spiega il successo del Papa
di Riccardo Ruggeri

da ITALIA OGGI

Nel 2002 uno psicologo israeliano divenne premio Nobel, non per la medicina, ma per l'economia. Daniel Kahneman lo ebbe per la teoria sulle decisioni in situazioni di incertezza (il mondo di oggi). La sua grande intuizione? Il nostro cervello funziona con due sistemi opposti, «Sistema 1» e «Sistema 2», l'uno basato sulla velocità, l'altro sulla lentezza.

Nei lunghi periodi bui in cui ci trasformammo da primati semplici a primati pensanti, dovevamo basarci su pensieri ad alta reattività, ad alta istintività, ad alta emotività, eravamo circondati da pericoli di ogni tipo, sopravviveva solo chi faceva scelte rapide: Sistema 1. L'evoluzione portò con sé un cambiamento, seppur lento, del paradigma, nacque e si affermò il Sistema 2. Esso è deliberativo, si comporta come un saggio, analizza i fatti, soppesa le prove a favore e contro, esercita un giudizio solo dopo molte riflessioni. Un protocollo intellettuale ove la variabile tempo è centrale.

Proviamo ad applicare questa teoria a uno dei due soli leader del globo, Papa Bergoglio (l'altro è Putin). Leader vero è colui che riesce a esercitare la sua leadership passando con scioltezza dal Sistema 1 al 2 e viceversa, specie quando il problema è complesso. Capì subito il problema chiave della Chiesa, che aveva portato alla scelta di Ratzinger: la Curia. È invalsa la convinzione che più hai staff (curie), più sei in grado di prendere decisioni corrette e svolgere controlli adeguati. È falso, anzi è l'opposto. Spesso i membri delle stesse sono persone inutili, frenano i processi decisionali e hanno un unico interesse: esercitare il potere di interdizione per esaltare il loro ruolo. L'esperienza mi ha insegnato che più le demolisci, più il funzionamento del sistema migliora, ma solo i leader sanno farlo.

In questi tre anni Bergoglio è stato straordinario. Adottando con sapienza un mix fra Sistema 1 e 2, aggiungendo un abile gioco di meta comunicazioni, ha mostrato come pur venendo dalla fine del mondo si possa modificare il funzionamento della Chiesa senza che nessuno se ne accorga. Come? Ha trasformato il «curiale», già ricco di boria e povero di qualità, già mezzo uomo/mezzo dossier, in leale collaboratore. Elementare Watson.
www.grantorinolibri.it
editore@grantorinolibri.it

articolo pubblicato il: 23/03/2016 ultima modifica: 28/03/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it