torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Naked"

al Teatro Stanze Segrete di Roma


Naked è crudo. Naked è claustrofobico. Naked è vero “Ast Company” presenta

Naked

Il 25 e 26 marzo alle 21 Al Teatro Stanze Segrete

Con Patrizio Cossa e Fabrizio Lobello Regia e training attori: Giorgia Giuntoli Luci e suono improvvisato: Barbara Sperandii

Due attori, un luogo, cinquanta minuti a disposizione. Il progetto “Naked” nasce da uno studio teatrale sperimentale basato sull'esasperazione del lavoro dell'attore. Gli attori sono spogliati da tutto ciò che contribuisce normalmente alla messa in scena: non ci sono costumi, non c'è quarta parete, non c'è scenografia. Ma Naked si spinge oltre.

Non c'è il testo scritto. Tutto è rigorosamente improvvisato. Gli attori ogni sera saranno nudi con la propria capacità di creare personaggi e storie, senza nessuna rete di protezione. In scena non c'è altro se non la vita. L'essenza stessa delle relazioni moderne, ogni sera diversa da quella precedente, ogni volta unica e irripetibile. Il pubblico partecipa così ad una vera e propria epifania: gli attori a nudo con loro stessi non potranno fare altro che immergersi e vivere i loro personaggi senza più confini di immedesimazione; diventano al contempo attori, sceneggiatori, autori, registi.

Naked è uno spettacolo sperimentale di improvvisazione teatrale con Patrizio Cossa e Fabrizio Lobello e con la regia di Giorgia Giuntoli, che nasce dopo tre anni di lavoro sul training degli attori e sulla narrazione all'improvviso. Gli attori creano una storia senza alcun testo o canovaccio a disposizione. Un'unica storia con un unico spazio per 50 minuti ininterrotti, senza possibilità di uscita. Il progetto Naked stilisticamente avvicina il più possibile l'improvvisazione teatrale al piano sequenza cinematografico, ponendo gli attori in una condizione nuova che li spinge ad un lavoro estremo sulla verticale dei personaggi, sulla storia e sulla regia. Tutto improvvisato. I due attori lavorano in uno spazio scenico a pianta circolare (o a due ali) che permette la totale vicinanza del pubblico, che si trova così immerso completamente nella performance. Senza ausilio di oggetti, se non due sedie e un tavolo che verranno collocati all'interno dello spazio scenico dal pubblico prima dell'entrata degli attori stessi, i due improvvisatori dovranno creare immediatamente relazioni, verticale del personaggio e ambiente senza poterlo modificare nel tempo a disposizione. Il risultato è uno spettacolo nuovo e irripetibile ad ogni replica.

Teatro Stanze Segrete 25-26 marzo 2016 alle ore 21 Via Della Penitenza, 3 (Trastevere) - tel. 06.6872690 / 3889246033 e-mail: info@stanzesegrete.it

articolo pubblicato il: 21/03/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it