torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"In punta di piedi"

al Teatro dell'Orologio di Roma


Teatro dell’Orologio
stagione 2015 – 2016
cambiamento reale

In punta di piedi

Biancofango dal 15 al 20 marzo 2016 drammaturgia e regia Francesca Macrì e Andrea Trapani con Andrea Trapani disegno luci Mirco Maria Coletti produzione Biancofango Sala Gassman da martedì a sabato ore 20:00 | domenica ore 17:00

Il Teatro dell’Orologio festeggia l’anniversario del lavoro che ha segnato la nascita della compagnia Biancofango, formata da Francesca Macrì e Andrea Trapani. A dieci anni dal debutto assoluto, torna in scena In punta di piedi.

Insomma cos’é che la ipnotizza nel calcio, Pasolini? “Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio è l’unica rimastaci. Il calcio è lo spettacolo che ha sostituito il teatro. Il cinema non ha potuto sostituirlo, il calcio si. Perché il teatro è rapporto fra un pubblico in carne e ossa e personaggi in carne e ossa che agiscono sul palcoscenico. Mentre il cinema è un rapporto fra una platea in carne e ossa e uno schermo, delle ombre. Invece il calcio è di nuovo uno spettacolo in cui un mondo reale, di carne, quello degli spalti dello stadio, si misura con dei protagonisti reali, gli atleti in campo, che si muovono e si comportano secondo un rituale preciso. Perciò considero il calcio l’unico grande rito rimasto al nostro tempo”. Guido Gerosa intervista P.P.Pasolini, “L’Europeo”, 31 Dicembre 1970

Firenze, l’adolescenza e il calcio. In punta di piedi nasce dall’intreccio di queste tre tematiche e dai profumi persistenti degli anni Ottanta, ancora troppo vicini per guardarli come una vecchia fotografia e a sufficienza lontani per avvertirne sulla pelle la ferocia della memoria.

Un adolescente e la sua città, bella di una bellezza rara, ma refrattaria al gioco e schiava della competizione per natura. Firenze che ama farsi guardare, ma mai che ri-guardi, se potesse, colpirebbe alle spalle tutti quelli che vorrebbero possederla. Un adolescente e l’ossessione di una generazione, un fanatismo lungo un secolo: il gioco del calcio. Nelle parole di Pasolini si può e si deve avvertire la forza di un simbolo, quale quello calcistico, che è stato in grado di unire migliaia di corpi in una sola e unica anima. Troppe poche altre realtà sono riuscite, in questo lungo ‘900, a spingersi così in profondità nella ritualità.

Il calcio ha vinto. Ha stra-vinto. Ma con il passare del tempo, degli anni, qualcosa in questa ritualità si è rotto, il potere delle televisioni e dei mass media ne hanno deturpato la genuinità e gli anni Ottanta hanno immortalato la parabola finale di un calcio ritualizzato che stava per consegnarsi alla luce accecante della spettacolarizzazione mediatica. Niente sarebbe più stato lo stesso. Questi sono gli anni di Mastino, il protagonista di questo monologo: gli anni della marcatura ad uomo, dei duelli corpo a corpo e dei numeri sulle maglie a fissare ruoli ben precisi. È una domenica mattina qualunque, in un qualunque campetto di periferia toscano, di quelli dove l’erba non cresce mai. Mastino vorrebbe giocare, ma il mister lo relega, come sempre, al ruolo di panchinaro. Come giocatore è piuttosto scarso e frequenti sono le occasioni in cui gli viene fatta notare la sua inattitudine al gioco del calcio, ma come spesso accade a diciotto anni, certe verità sono piuttosto faticose da capire e, ancor più, da accettare. A diciotto anni fuori dal calcio spesso può voler dire fuori dal giro, il giro giusto, che ti fa sentire parte di un tutto, a scuola come a passeggio per i quartieri della città. Dalla panchina Mastino vive l’agonia di un’ennesima, lunghissima domenica da escluso.

Biancofango La compagnia Biancofango nasce nel 2006 dall’incontro tra Francesca Macrì e Andrea Trapani. Insieme realizzano la Trilogia dell’inettitudine: In punta di piedi, La spallata e Fragile show, pubblicata dalla casa editrice Titivillus. Nel 2012 debuttano con Porco mondo e a seguire, con il Teatro di Roma realizzano Culo di gomma, Romeo e Giulietta e Hamlet.

Info e prenotazioni La prenotazione è vivamente consigliata 06 6875550 | biglietteria@teatroorologio.com le prenotazioni possono essere effettuate dal lunedì al venerdì dalle 11:00 alle 19:00 INTERO // 15 euro RIDOTTO // 12 euro ingresso consentito ai soli soci: tessera associativa annuale 3 euro
Teatro dell’Orologio Via dei Filippini 17/A 00186 - Roma

articolo pubblicato il: 11/03/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it