torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Cittadine Straniere"

al Teatro Agorà di Roma


"Cittadine Straniere" di Maria Teresa Di Clemente, regia di Rosi Giordano e con Giulia Bornacin e Maria Teresa Di Clemente andrà in scena dal 15 al 20 marzo al Teatro Agorà (Roma - Via della Penitenza, 33 - Tel. 06 68 74 167) .

Lo spettacolo, prodotto dalla Compagnia Macro Ritmi, trae origine dal saggio “Grecia al femminile” curato dalla storica francese Nicole Loraux e affronta il delicato tema dell’identità, della prostituzione minorile e la negazione dei diritti per le donne e gli stranieri.

La Loraux, attraverso un lavoro di ricerca storica e letteraria, è riuscita a ricomporre le singolari vite di otto donne greche, strappate dall’ombra e dal silenzio in cui la loro civiltà le relegava, restituendo, in tal modo, dignità a migliaia di spose, figlie e madri di cui come voleva Pericle, nessuno ha parlato… “...la somma virtù per una donna perbene è che di lei si parli il meno possibile…”

Due vite, due donne, in particolare, hanno attratto lo sguardo e l’attenzione dell’autrice e della regista Rosi Giordano, ovvero, due straniere opposte per classe sociale, morale, vita, epoca, Melissa e Neera. Melissa (VI a.C., età arcaica) è la straniera moglie del Tiranno, estranea a se stessa, uccisa e profanata dal marito dopo morta. Neera (età Classica, epoca in cui nasce la “Democrazia”) è la straniera prostituta, presente a se stessa, che riesce a riscattarsi fino a diventare moglie amata e madre. Lo spettacolo si muove su due binari: la realtà storica da cui affiorano Neera e Melissa e la memoria emotiva che attinge nel desiderio, nelle paure, nelle illusioni di due esseri sporcati dalle proprie storie.

Neera si nasconde in un luogo fuori città, sulla strada per la fuga in caso di condanna… dove riflette, ri-assembla e ricostruisce frammenti di vita quotidiana, mentre dentro di lei si fa strada una nuova consapevolezza …fra le due protagoniste si interpone una quinta parete virtuale, immerse ognuna nella propria situazione e nei propri pensieri, che “involontariamente” ci confidano…

Ma quando, per un inspiegabile cortocircuito, la quinta parete cade, l’una entra nello spazio dell’altra, e la relazione tra le due diventa un incontro-scontro, che le spinge a riconoscersi e confrontarsi e affermare la propria identità ed unicità, con una consapevolezza nuova, rigenerata.

Dalle loro storie emergono le stratificazioni giunte a noi relative alla comune morale e alle sue perversioni e la negazione dei diritti civili per le donne, gli schiavi e gli stranieri: le problematiche che le riguardano sono ancora radicate e attive.

…E ci ricordano l’importanza del principio di eguaglianza e parità di trattamento valido per tutti i cittadini.

“Cittadine Straniere” è stato rappresentato al “XXI Festival of images and words, On Diasporas and Retuns” di Toronto (Novembre 2012). E’ stato tradotto e pubblicato in inglese in "Tales of Ancient Women: Of Love and Betrayal", con il titolo "Two Foreign Women" nel 2014.

La Compagnia MacroRitmi con “Cittadine Straniere” di Maria Teresa Di Clemente continua il percorso espressivo teso ad attenzionare le problematiche legate all’identità e all’emarginazione, come documentano gli ultimi allestimenti, tra cui ”BILLIE la frivola” di Rosi Giordano, omaggio a Billie Holiday, personalità che subisce il suo stato di donna e di colore portandola all’annientamento di se stessa, “Il posto delle patate” di Georges Perec dove i personaggi cercano di riappropriarsi concitatamente di una identità che varia con il susseguirsi delle situazioni, “Viaggio inVerso”, mixage testuale di Rosi Giordano libera riscrittura de “Il Marinaio” di Fernando Pessoa, in cui i personaggi si appropriano di nuove e ri-definite identità metafore di un viaggio nell’inconscio.

Teatro Agorà in Via della Penitenza, 33 – 00153 Roma Orari: dal martedì al sabato alle ore 21.00 - la domenica alle ore 18.00. Biglietti: Intero 13 euro - ridotto 10 euro – studenti 6 euro + € 2 tessera associativa teatro Agorà Convezioni: Casa Internazionale delle Donne – Bibliocard biglietti 8 euro + € 2 tessera associativa teatro Agorà PROMOZIONE SPECIALE DONNA: a tutte donne sarà riservato un biglietto ridotto di 10 euro + € 2 tessera associativa teatro Agorà Per informazioni e prenotazioni: Tel. 06 68 74 167 - info@teatroagora80.com macroritmi@gmail.com

articolo pubblicato il: 07/03/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it