torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Cosi' è (se vi pare)" di Luigi Pirandello.

Teatro Orione di Roma 8 Marzo 2016

di Sergio Gigliati


La compagnia teatrale “la quercia incantata” mette in scena, al Teatro Orione di Roma il prossimo 8 marzo nell'ambito del progetto teatro e didattica, "cosi' è (se vi pare)" di Luigi Pirandello.
Rappresentata per la prima volta nel giugno del 1917 l’opera venne arricchita successivamente nel 1925 con un riadattamento della stessa a rappresentazione teatrale.
“Cosi' è se vi pare”, uno spettacolo senza tempo e senza eta' dove i personaggi incarnano la filosofia pirandelliana con un efferato senso della incertezza e della maschera. Nessuno e centomila per parodiare un noto titolo dello stesso autore. Noi siamo quello ci chiedono di essere ed in quest’opera i personaggi appaiono come un labirinto di emozioni e di sfaccettature sia caratteriali che sostanziali.
Il tutto è incentrato su uno dei temi che fu molto caro a Pirandello: l’inconoscibilità del reale, dove chiunque può interpretare una qualsiasi cosa in maniera diversa dagli altri senza necessariamente far coincidere il proprio pensiero.
La verità non esiste, o almeno non esiste la verità assoluta. Questo sembra essere il messaggio che Pirandello vuole trasmetterci, anche se non lo dichiara apertamente: la verità è per ciascuno come a lui pare. Un gruppo di pettegoli discutono e fanno illazioni sul mènage di un marito, della sua fantomatica moglie e della suocera: vogliono verificare, accertare, addirittura interrogare i responsabili, sotto lo sguardo divertito di Laudisi, classica "tinca" pirandelliana, ovvero il personaggio che, pur non avendo nessuna parte vera nell'azione, guarda e giudica gli avvenimenti come mediatore tra scena e pubblico.
Egli cerca di comprendere le regole di un gioco che egli sa gia non esistere: inutile cercare una verità, inutile sbrogliare il groviglio e la molteplicità delle verità esistenti.
Lamberto Laudisi rappresenta pirandello in se e le sue idee: relativismo delle forme, delle convenzioni e dell'esteriorità, un'impossibilità a conoscere la verità assoluta. Uno spettacolo senza tempo, attualissimo e condito di musiche e danze classiche, per un pubblico di ogni età.
Con Sandro Scarpelli (Lamberto Laudisi), Nadia Brustolon (amalia, sorella di lrto), Federica Colucci (dina, figlia di amalia), Filippo Bubbico (sig. Ponza), Paola Surace (sig.ra Fola, mamma della sig.ra Ponza), Andrea Villanetti (prefetto/commissario), Angelica Prezioso (sig.ra Cini), Rossella Ambrosini(sig.ra Nenni).
Per la regia di Filippo Bubbico, aiuto regista Federica Colucci, adattamento Sandro Scarpelli, tecnico suono/luci Andrea Coria
martedi 8 marzo 2016 ore 9
teatro Orione via Tortona 3 , Roma
tel 06 77206960
info 3388860471 - 3338553912

articolo pubblicato il: 19/02/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it