torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Ariele e Calibano"

alla Sala Ichos di San Giovanni a Teduccio


Sala Ichos presenta dal 12 al 14 febbraio Franca Battaglia Teatro con il contributo dello Spazio OFF di Trento in

Ariele e Calibano

drammaturgia e regia Ilaria Migliaccio con Monica Bandella Calibano Ilaria Migliaccio Ariele realizzazione scene Juan Pablo Etcheverry

Dal 12 al 14 febbraio a Sala Ichos (via Principe di Sannicadro 32 – San Giovanni a Teduccio, Napoli) sarà in scena Ariele e Calibano della compagnia Franca Battaglia Teatro con il contributo dello Spazio OFF di Trento. Lo spettacolo, che si ispira a La Tempesta di Shakespeare, è scritto, diretto ed interpretato da Ilaria Migliaccio in scena insieme a Monica Bandella.

Sinossi
Come si può resistere ai continui attacchi alla memoria e all'intelligenza? La tempesta è un trucco e c'è un'azione più profonda e decisiva che chiede solo di essere agita. Dopo 400 anni dalla partenza di Prospero, sull'isola ci sono solo Ariele e Calibano. Uno vive sempre nell’aria e immagina tutte le sue avventure. L’altro, attaccato alla terra, oscuro e istintivo, umano e carnale, prova dolore, rabbia, ha sempre fame. Tra Ariele e Calibano c'è un abisso incolmabile. Ariele vigila, non dorme mai, perchè uno spirito dell’aria non ne ha bisogno, Calibano ha sempre sonno, tanto da lasciarsi cullare dai suoni incantati dell’isola e si sente così bene nei suoi sogni che quando si sveglia piange perché vorrebbe continuare a sognare. Non vuole padroni, ma ha bisogno di essere guidato come un bambino. I due dovranno essere uniti contro l'Oblio per salvare l’isola, il rifugio dove raccogliere le forze e tornare a se stessi, per poi ricominciare più forti di prima.

Note di regia
Ariele nasce come scrittura drammaturgica e vince il bando di residenza OFFX3 2011 dello Spazio OFF di Trento. È presentato in forma di studio in tre occasioni romane, oltre che a Trento. In questi anni ho continuato a pensarlo e a cercare un possibile Calibano, adesso che l'ho trovato, Ariele diventa Ariele e Calibano. Lo spettacolo è una rivisitazione contemporanea delle figure de La Tempesta di Shakespeare in forma di favola ed è il tentantivo di ribaltare i ruoli, di riconoscere a Prospero i suoi errori e ad Ariele e Calibano le loro ragioni. In questo tempo di coscienze sopite, bisogna tornare ad essere vigili, attenti a quello che accade intorno, difendere con ogni mezzo la libertà di espressione e la propria immaginazione. Perchè le ali che abbiamo, a volte invisibili, non sono fatte per restare appese a un chiodo. (Ilaria Migliaccio)

Sala Ichos Giorni e orari: dal 12 al 14 febbraio; venerdì e sabato ore 21 e domenica ore 19 Via Principe di Sannicandro 32 – San Giovanni a Teduccio (NA)

articolo pubblicato il: 05/02/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it