torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Poesie su carta igienica di una fredda serata estiva"

al Centro Teatro Spazio di San Giorgio a Cremano


Sabato 30 e domenica 31 gennaio, lo spettacolo "Poesie su carta igienica di una fredda serata estiva", scritto e diretto da Simone Somma, sarà in scena al Centro Teatro Spazio di San Giorgio a Cremano.

Quando c’è una persona sull’orlo di un balcone, in bilico sul decidere se buttarsi giù o meno, che scrive per sfogarsi e per ritardare l’atto decisivo, e tutto questo viene messo in scena, la tentazione di dire che si tratti di un’opera che affronta il tema del suicidio è forte di sicuro. “Poesie su carta igienica di una fredda serata estiva” è però tutt’altro. Lo spettacolo si distacca presto dall’essere una pièce a tema “suicidio”, la situazione contingente si trasforma in pretesto per scandagliare l’animo del personaggio, per penetrare all’interno delle sue paure, delle sue insicurezze, degli angoli più spigolosi e torbidi di una mente contorta in modo ingenuo e infantile. Il tutto è trattato con grande ironia, cercando di alleggerire quelli che un po’ arditamente sono spunti di filosofia pesanti, pessimistici, distruttivi nella loro manipolazione della realtà, ma mai seri, sempre buttati lì, senza crederci, in fondo, poi troppo. Un’altra tentazione: è facile pensare, visti i presupposti, che si tratti di un monologo. Tutt’altro. Poiché la conversazione con noi stessi è sempre uno scambio di opinioni, non ci si trova mai d’accordo, per cui la presenza di altri personaggi risulta indispensabile, personaggi che sono tutti nella testa del protagonista, e che sono tutti, alla fine null’altro che se stesso. Ed eccolo infine il vero tema: per quanto possiamo rimanere soli, rifuggire dalle altrui opinioni, decidere di chiuderci nel nostro mondo, evitare di ascoltare chi ci sta intorno, anche così, nella nostra testa ci sarà, purtroppo o per fortuna, qualcuno che ci dice che stiamo sbagliando La scenografia distorta, confusa, che sembra crollare da un momento all’altro, rappresenta la mente del personaggio, i cui ragionamenti non seguono uno schema lineare, risultando altresì raffazzonati, pieni di collegamenti illogici e senza alcun senso. La recitazione di tutti gli attori è sempre sopra le righe, volutamente poco verosimile, a sottolineare, ancora, il contrasto tra il mondo reale e gli abissi della nostra mente, che manipola e trasfigura la realtà fino a renderla quasi irriconoscibile.
Simone Somma

Poesie su carta igienica di una fredda serata estiva scritto e diretto da Simone Somma con Simone Somma Antonio Tatarella Arcangelo Santoro Andrea Alario Giusy Andolfi e con la partecipazione in voce di Vincenzo Borrelli

Audio e luci: Chiara Aprea Scene: CTS Musiche: Antonio Tatarella Produzione: Unospazioperilteatro

Sabato 30 gennaio ore 21 Domenica 31 gennaio ore 18.30

articolo pubblicato il: 27/01/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it