torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Nasza Klasa"

al CineTeatrolaPerla di Napoli


Nasza Klasa (La nostra classe) di Tadeusz Slobodzianek Traduzione di Alessandro Amenta Progetto Massimiliano Rossi con la collaborazione di David Power CineTeatrolaPerla 27 - 28 Gennaio ore 21

personaggi ed interpreti Dorit - Angela Rosa D'Auria Zocha - Cinzia Annunziata Rachele - Giulia De Pascale Giacobbe - Daniele Sannino Rysiek - Massimiliano Rossi Menachem - Raffaele Ausiello Zygmunt - David Power Heniek - Pietro Juliano Wladek – Nello Provenzano Abramo - Peppe Villa

Regia Massimiliano Rossi Aiuto regia Enrico Basile Allestimento scenico Allievi della scuola di scenografia prof. Tonino Di Ronza - Accademia belle arti Napoli Costumi Luca Sallustio Sound Design Malu Peeters Luci Davide Carità Ufficio stampa Gabriella Galbiati grafica/video/ foto Malive foto Alessandro Palumbo Sartoria Zambrano Tecnico luci Gianpiero Sapienza

In occasione della Giornata della Memoria per la commemorazione delle vittime dell’Olocausto, il 27 e il 28 gennaio al CineTeatrolaPerla andrà in scena Nasza Klasa (La nostra classe) di Tadeusz Slobodzianek per la regia di Massimiliano Rossi. Nasza Klasa è l'opera attraverso la quale il genio di Tadeusz Slobodzianek si sta diffondendo in Europa e nel mondo. Per la prima volta tradotto in Italia, dopo l’eccezionale successo di critica e di pubblico riscosso dalle edizioni rappresentate in Inghilterra, Spagna, Polonia, Canada, Stati Uniti, Ungheria, Brasile, Giappone, presentiamo la prima messa in scena dell’opera italiana. Un progetto di produzione etica con il sostegno e il patrocinio di: Fondazione Valenzi, Istituto Polacco di Roma, L’Asilo, Accademia di Belle Arti Napoli, Comune di Napoli.

Presentazione
“…esiste un giudizio politico, un giudizio storico e giuridico… Ma al di là di tutto questo esiste la dimensione della interpretazione che forse solo il linguaggio dell’arte riesce a comprendere fino in fondo…” Timothy Garton Ash Un giorno d'estate del luglio del 1941 metà della popolazione di Jedwabne, un piccolo paese dell'Europa centrale, assassinò l'altra metà, circa 1600 Ebrei, tra uomini, donne e bambini. Questo è l'evento centrale in Nasza Klasa che narra le vicende di un piccolo villaggio polacco, dove fino a qualche anno fa nella piazza principale c'era una lapide che ricordava Jedwabne come «luogo di martirio del popolo ebraico, dove la Gestapo e la gendarmeria di Hitler bruciarono vivi 1600 ebrei». Una menzogna durata 60 anni scoperta grazie a Jan Gross, professore di storia alla New York University e veterano del 68 polacco, il quale ha rinvenuto in un archivio di Varsavia la testimonianza dimenticata di un sopravvissuto; il risultato è stato "Neighbours", edito in Italia da Mondadori con il titolo "I carnefici della porta accanto", un libro che ha incendiato l'opinione pubblica polacca e ha costretto l'allora presidente Kwasniewski a chiedere pubblicamente perdono, che ha estorto un mea culpa dal Capo della Chiesa e obbligato gli storici e la popolazione della Polonia a confrontarsi con una verità agghiacciante: quella di non essere stati solo vittime, ma veri e propri criminali di guerra. Quel giorno, è provato, gli abitanti polacchi della cittadina si armarono di asce, coltelli, forconi e uccisero l'altra metà, ebrei con cui erano cresciuti e andati a scuola; i tedeschi, quei pochi presenti, si limitarono a scattare delle foto. Per più di mezzo secolo, tutti gli abitanti del paese, dal sindaco che coordinò l'eccidio al prete che la benedisse, hanno nascosto la verità. Ambientato tra il 1925 e il 2002, la pièce racconta il tragico intrecciarsi delle vicende di dieci ragazzi compagni di scuola prima dello scoppio della seconda guerra mondiale: cinque ebrei e cinque polacchi. Mentre i ragazzi crescono il loro paese è devastato dalle invasioni armate, prima sovietiche, poi naziste. Con lo sviluppo del fervente nazionalismo crescono i conflitti: gli amici si tradiscono l'un l'altro e la violenza prende il sopravvento fino a che queste persone, ordinarie, portano a termine un’azione straordinaria e mostruosa, la cui eco risuona ancora oggi. All’inizio dell’opera i dieci alunni dichiarano le loro ambizioni: uno di voler essere un pompiere, uno una star del cinema, uno un pilota, uno un dottore. Nella prima parte la solidarietà dell'infanzia lascia il posto alla tensione religiosa: mentre i cattolici pregano, gli ebrei sono invitati ad accomodarsi nelle ultime file della classe. Nel 1939 l’occupazione sovietica aumentò le ostilità tra i collaboratori e la resistenza dei combattenti. Ma nel 1941, con l’arrivo dei nazisti, la comunità scopre il proprio profondo e radicato antisemitismo religioso e razziale che porta la stessa a stupri, pestaggi, torture e infine all'assembramento della popolazione ebraica in un fienile che venne cosparso di cherosene e dove tutti gli ebrei presenti furono arsi vivi.

CineTeatrolaPerla – via Nuova Agnano, 35 Napoli 27/28 gennaio ore 21 Info e prenotazioni: 081 570 1712 – info@cineteatrolaperla.it

NOTE AL PROGETTO ARTISTICO Timothy Garton Ash, dopo aver assistito ad una edizione del testo al National Theatre di Londra in un suo articolo apparso su La Repubblica, invitava alla mobilitazione affinché fosse rappresentato in ogni parte d'Europa. Ho lavorato in questi anni affinché questo autore con la sua opera fosse conosciuto dal pubblico italiano, ma il mio impegno sarebbe stato vano se non avessi incontrato la disponibilità del Professor Alessandro Amenta che ha tradotto l’opera. Slobodzianek è un autore contemporaneo, con una scrittura superba, e conoscere questa storia non è solo continuare, e giustamente, a ricordare i nefasti eventi della Shoah, ma è anche e soprattutto un’occasione per poter riflettere sulla insopprimibile necessità da parte di un popolo di conoscere la verità della propria storia e poterne vedere restituito il senso di appartenenza. Anche il nostro paese, facile all'amnesia e con molte verità nascoste e omertose connivenze, può sedersi ai banchi e ascoltare la lezione di Slobodzianek; ne trarrà beneficio non solo la nostra cattiva coscienza, che stenta a destarsi, ma anche una reale conoscenza della storia dell’Olocausto e della nostra Unione Europea, unione i cui principi fondanti sono la conservazione e valorizzazione delle diversità culturali e linguistiche e l'incentivazione della tolleranza e della comprensione reciproche. Se alle nostre latitudini quei fatti possono apparirci lontani, per comprendere le persecuzioni e l'ostracismo sociale che in quella parte della Polonia circondano, ancora oggi, chi ha aiutato gli ebrei durante la guerra o chi ha tentato di salvarne la memoria, possiamo richiamare ciò che deve patire chi in Italia osi opporsi alle mafie o chi s'impegni nella ricerca della verità sui tanti misteri del nostro paese. Italia e Polonia sono paesi in cui l'esperienza ebraica ha avuto il percorso più radicalmente opposto: paradiso e inferno; ma entrambi si sono macchiati nel 900 di gravissime colpe verso gli ebrei. L'Italia con le leggi razziali, i campi di concentramento dimenticati; la Polonia con i pogrom, le delazioni e l'esodo forzato del 1968. Nei due paesi, in maniera diversa, la coscienza di questo passato fatica a trovare un suo posto stabile nella memoria storica collettiva. Scrive Timoty Garton Ash: «Perché qui la verità è più profonda: si tratta di ciò che gli esseri umani sono capaci di fare quando si trovano nel posto sbagliato nel momento sbagliato. Chiunque sia nato in un tempo e in un luogo più felice deve ringraziare la sorte e la geografia». Così sicuramente fecero gli ebrei che dopo l'8 settembre del 1943 erano presenti nelle regioni meridionali della penisola, i quali si salvarono a differenza delle 43 000 persone classificate di razza ebraica che si trovavano nell'Italia settentrionale. Rimasero in vita gli ebrei nel campo di Ferramonti di Tarsia e in quello campano di Campagna e quelli residenti a Napoli. Certamente fu il caso a salvare queste persone, ma le deportazioni furono di fatto impedite dall'insurrezione del popolo partenopeo. La nostra città, dalle mille contraddizioni, e dalle tante sofferenze, dalla cultura omertosa che stringe tra le sue fauci un popolo inerme, dove chi racconta la verità spesso è costretto a scappare, è anche un luogo dove la rivolta di un popolo è stata la salvezza di un altro. Per maggiori info: http://www.naszaklasa.it/

Tadeusz Slobodzianek (1955 - Enisejsk, Siberia) Drammaturgo, regista e critico teatrale Studia Teatro all'Università di Cracovia.Tra il 1978 ed il 1982 scrive recensioni per le riviste “Student” e “Polityka”. Nel 1980 debutta come drammaturgo al Teatro W. Boguslawski di Kalisz e come regista al Teatro di Bialystok. Le attività in ambito teatrale sono molteplici: è manager letterario, regista e drammaturgo per i Teatri di Varsavia, Cracovia Lodz, Poznan, Danzica, Kalisz e Bialystok. Nel 1991 è cofondatore insieme a Piotr Tomaszuk del Wierszalin Theatre, che ha come scopo la ricerca e la proliferazione delle leggende e delle tradizioni popolari polacche ed europee. Dal 2001 insegna alla Facoltà di Giornalismo presso l'Università di Varsavia. Dal 2003 dirige il Laboratorio di Arte Drammatica di Varsavia, di cui è anche fondatore, con l'obiettivo di sviluppare e promuovere la drammaturgia contemporanea. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali. Quelli più significativi sono il Premio Fringe First vinto con il Wierszalin Theatre al Festival di Edimburgo nel 1993 e nel 1995, il Premio "Polityka" Passport (1993), il Premio Stanislaw Pietak (1993) e il Premio Fondazione Koscielski alla carriera per il suo impegno nel teatro e nelle arti teatrali. Nel 2010 Nasza Klasa è la prima opera teatrale a ricevere il Premio Nike per la letteratura. Il premio è solitamente assegnato al miglior romanzo ed il suo scopo è la diffusione della letteratura polacca nel mondo. Attualmente Tadeusz Slobodzianek è il direttore del Teatro Drammatico di Varsavia.

Alessandro Amenta (Roma - 1974) Traduttore editoriale, docente di lingua polacca (Univ. Roma Tor Vergata). Si occupa principalmente di letteratura polacca novecentesca e traduzione specialistica. Ha tradotto e curato le opere di alcuni tra i maggiori scrittori polacchi contemporanei, tra cui Adam Zagajewski, Andrzej Stasiuk, Zuzanna Ginczanka, Wieslaw Mysliwski, Izabela Filipiak, Eugeniusz Tkaczyszyn-Dycki. Per la sua attività di traduttore e divulgatore scientifico è stato insignito della medaglia "Benemerito per la cultura polacca" del Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale Polacco.

Massimiliano Rossi (Napoli - 1970) Attore e regista. Maturità classica, laurea in giurisprudenza, abilitazione all'avvocatura. Allievo di Ernesto Calindri. Segue il corso triennale del laboratorio del Teatro Elicantropo diretto da Carlo Cerciello e Umberto Serra. Si diploma come “Mimo” presso l' “ICRA Project” diretta da Michele Monetta, prende parte a stage con diversi maestri (Yves Lebreton, Lorenzo Salveti, Renato Carpentieri, Marise Flach, Peter Clough, Anna Redi). Lavora con Lello Ferrara, Gennaro Magliulo, Franco Però, Gigi Savoia, Fortunato Calvino, Antonio Capuano, Pino Carbone, Mariano Baduin, Laura Angiulli, Giuseppe Sollazzo, Michele Monetta, Carlo Cerciello (con il quale collabora per circa sette anni prendendo parte alla produzione di molti spettacoli, tra i più significativi: "Girotondo", "Macbeth", “Stanza 101" premio UBU, “Noccioline” premio miglior compagnia festival di Positano, “Office” dove ha ricevuto un premio come miglior attore.) Per il cinema ha preso parte alla lavorazione dei film: “Il resto di Niente” di Antonietta de Lillo 2004; “Fuoco su di me” di Lamberto Lambertini 2006; “Giallo” di Antonio Capuano 2007; “Mozzarella Stories” 2010 regia Edoardo De Angelis, I milionari 2013 di Alessandro Piva, “L’Evento” di Lorenzo D’Amelio 2013, Tre tocchi di Marco Risi 2013, Indivisibili di Edoardo de Angelis 2015, Per la TV è guest nelle edizioni del 2002, 2003, 2006 nella fiction per la Rai "La Squadra". Nel 2009 è guest in un "Posto al sole"; nel 2013 è nella serie " Gommorra" per SKY , nel 2013 Squadra antimafia. Partecipa alla lavorazioni di numerosi cortometraggi e video. Aiuto regia nel 95/96 di Gigi Savoia nei "Casi sono due" di Armando Curcio e alcune assistenze, due studi sul Don Giovanni e su testi di Giuseppe Patroni Griffi, firma la sua prima regia nel 2008 portando in scena " Giochi di famiglia" dell’autrice serba Biljana Srbljanovic.

articolo pubblicato il: 22/01/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it