torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Compromessa dall'amore"

al Palamedia di Bovisio Masciago


Mercoledì 27 gennaio

Compromessa dall’amore: Edith Stein e la Shoah

A cura dell’ensemble EquiVoci Musicali Palamedia – Via Tolmino 40, Bovisio Masciago Ore 21.00 Ingresso gratuito

Con Elda Olivieri, attrice Rachel O’Brien, mezzosoprano Elisa Risitano, ballerina Chiara Nicora, pianista Drammaturgia: Andrea Zaniboni

Il comune di Bovisio di Masciago, Assessorato alle Politiche Culturali, in collaborazione con ANPI – Sezione di Bovisio Masciago, presenta, in occasione del giorno della memoria, uno spettacolo che ripercorre la vita, il pensiero, gli scritti e la tragica scomparsa di Edith Stein, scandagliandone il percorso biografico attraverso una scelta accurata dei testi, accompagnati da filmati che ricreano l’ambientazione dell’epoca. Una narrazione profonda, capace di trasmettere il coraggio, la dedizione alle sue radici ebraiche così come la sintesi spirituale della sua conversione. Filosofa, femminista, monaca Carmelitana, mistica e martire, Edith Stein ha saputo rendere visibile e credibile l’Amore fin nelle camere a gas di Auschwitz dove ha trovato la morte il 9 agosto 1942.

«Chi espia il male inferto al popolo ebraico in nome della nazione tedesca? Chi muterà questa colpa orribile in una benedizione per entrambi le stirpi? Solo chi non permetterà a queste piaghe aperte all'odio di generare altro odio; chi, pur rimanendo vittima di tanto astio, prenderà su di sé il dolore tanto di chi odia che di chi è odiato».

Così scrive Edith Stein, nel 1942, per superare le opposizioni fittizie introdotte dal nazismo tra il popolo ebraico e il popolo tedesco. E’ il compimento di tutta la sua esistenza: superare le nozioni di razza, nazione, famiglia, stirpe, bersaglio di interpretazioni naziste e contro l’Uomo, per approdare a una appartenenza spirituale, la sola capace di cogliere e custodire l’umanità di ciascuno. Sullo sfondo delle immagini e musiche eseguite dal vivo dalla voce di Rachel O’Brien accompagnata dal pianoforte di Chiara Nicora e dalla danza di Elisa Risitano, Elda Olivieri leggerà i testi, le lettere e le riflessioni filosofiche di Edith Stein, donna dallo spessore intellettuale e morale tra i più alti e profondi del ‘900. Edith Stein ricevette la stima di alcuni fra i più importanti filosofi del Novecento, da Reinach a Kaufmann, da Heidegger a Scheler a Husserl. Nel 1915 raggiunse la zona dei Carpazi, dove la guerra inferiva con violenza, per aiutare i malati di tifo. Ritornata a Friburgo proseguì la tesi con Husserl. Pubblicò il suo manoscritto quello stesso anno. Fu allora che divenne sua assistente: aveva solo venticinque anni. Questa esperienza lasciò un segno profondo: lavorò su un materiale cui pochi altri avrebbero avuto accesso per molto tempo, e raggiunse una comprensione del pensiero del grande filosofo che poche persone — forse nessuno in quel momento — potevano vantare.

Quello che l’ensemble EquiVoci Musicali presenta è un modo diverso di accostarsi a questa intellettuale e femminista rivoluzionaria, capace di sottolineature inattese, di intuizioni illuminanti e di una resa immediata ed emozionante.

articolo pubblicato il: 22/01/2016

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it