torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

copertina
il TLS di Spoleto ad Istanbul

al Teatro della Casa d'Italia


Sono partiti alla volta di Istanbul gli artisti del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto, che si esibiranno il 17 dicembre al Teatro della Casa d'Italia, sede dell'Istituto Italiano di Cultura di Istanbul.

Su invito del Direttore dell'Istituto Prof. Gianni Vinciguerra, i cantanti Chiara Mogini (soprano), Claudia Sasso (soprano), Amedeo Di Furia (tenore) e Tommaso Barea (basso-baritono), accompagnati al pianoforte dal M°Enrico Cicconofri si esibiranno in un concerto d'arie d'opera per i festeggiamenti di fine anno offerti alle autorità turche e alla comunità italiana a Istanbul. Sarà anche presente il Direttore Artistico dell'Opera di Istanbul M°Suat Arikan e altri operatori culturali della città.

Gli artisti dell'Ente Lirico umbro si esibiranno in una serie di arie e duetti tratte da opere di Puccini, Verdi, Mozart, Offenbach, Tchaikovsky, Mascagni, Bellini. Il Teatro Lirico Sperimentale, presente per la terza volta in Turchia, rinnova la collaborazione con l'Istituto di Cultura e rinsalda l'amicizia con i vertici del Teatro dell'Opera di Istanbul (Il M°Arikan ha già fatto parte della Giuria del Concorso europeo di Spoleto in due edizioni). Il concerto si svolgerà nella storica e prestigiosa sede dell'Istituto di cultura al centro di Istanbul. Il Palazzo ospitò a partire dal 25 ottobre 1823 il Consolato del Regno di Sardegna. Dopo l’Unità d’Italia, l’edificio fu risistemato dall’architetto Alessandro Bresci ed i lavori furono ultimati nel 1867. A seguito della ristrutturazione, lo stabile assume un aspetto molto simile a quello attuale. Fu sede dell’Ambasciata d’Italia fino al 1919. Dal 1927 l’edificio fu dato in uso alla comunità italiana di Istanbul e a partire dal 1951, divenne sede dell’Istituto Italiano di Cultura, fondato in quell’anno. La Casa d’Italia ospita anche la Camera di Commercio italo-turca ed il Circolo di Roma, circolo italiano più importante di Istanbul.

L’edificio fu nuovamente restaurato tra il 1930 e il 1932: furono eseguiti importanti lavori sulla facciata e costruito lo scalone d’onore. Il cortile interno fu infine coperto e poi trasformato, come è possibile vedere attualmente, in teatro.

Restaurato più volte, ha mantenuto intatto lo stile originario art-déco: con una capacità di circa 300 posti e un sistema acustico di rara perfezione, resta uno dei teatri privati più ambiti della città. Tutt’oggi nel magnifico spazio Liberty, vengono organizzare sia dal Consolato Generale d’Italia, sia dall’Istituto Italiano di Cultura, serate memorabili, con ospiti di rilievo internazionale. Inoltre, il teatro ospita diverse manifestazioni, quali l’Istanbul International Theatre Festival, dedicato alla danza e al teatro classico e sperimentale. Durante gli eventi, si può prendere parte a workshop, discussioni e dibattiti e si può assistere alla proiezione di film.

articolo pubblicato il: 16/12/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it