torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

musica
"The Invitation"

al Teatro Carlo Felice di Genova


Sarà presentato mercoledì 16 dicembre a Genova, al Teatro Carlo Felice, nell’Auditorium E. Montale (Galleria G. Siri, ore 21.00), il nuovo album “The Invitation” di Mariangela Bettanini alias Prayan (abbreviazione del suo nome spirituale Ma Atmo Prayan, che significa “il Viaggio più profondo”). Un CD composto da 10 canzoni per voce e pianoforte in lingua inglese ispirate dalle poesie del poeta persiano Rumi, rilette per la prima volta con un’ottica femminile ed in chiave europea; e presentate in un contesto espressivo tipicamente occidentale, a sottolineare l’universalità del messaggio d’amore di Rumi.

Mevlana Jalal ad-Din Rumi, il mistico persiano Sufi, Poeta dell’Amore, ispirò nei secoli migliaia e migliaia di persone. L'amore di cui parla Rumi ha le sue radici nella realizzazione dell'amore Divino e di riflesso nel Creato e nella vita umana. Scritte originariamente in persiano, le poesie sono state selezionate da Prayan nella traduzione del poeta contemporaneo Coleman Barks che, grazie al suo linguaggio moderno, ha reso Rumi il poeta oggi più letto negli Stati Uniti. Dal cd è stato estratto un singolo intitolato “Come” del quale è stato realizzato anche un video con la regia di Luca Galeazzi. “Come” è un invito all’accettazione di tutte le persone, al di là di provenienza, cultura, religione, perché il “Cuore tutto comprende e lascia essere”. In questa direzione la poesia di Rumi può rappresentare il punto di congiunzione tra il mondo islamico e quello occidentale, perché parla un linguaggio che va oltre le barriere culturali, linguistiche e religiose.

Il “viaggio” artistico di Prayan (al secolo Mariangela Bettanini) parte da Genova, sua città natale esplorando via via le più svariate tecniche vocali e ambiti musicali: dalle songs di Bob Dylan e Joan Baez, al jazz di New York City; dal canto classico di Rueil-Malmaison al vasto repertorio internazionale come cantante in Costa Azzurra; dal canto difonico al Voicing ©, un percorso spirituale e vocale che facilita il canto delle proprie emozioni e il contatto con la propria più intima realtà.

In epoca più recente, il “viaggio” da artistico diviene anche spirituale così da portarla a dedicarsi alla musica mistica. Viaggia in India e in seguito, per un certo tempo, vive a Konya, in Turchia, dove è sepolto Mevlana Jalal ad-Din Rumi, il Poeta Sufi dell'Amore. Un viaggio intenso, una dura prova soprattutto al livello di salute. Il talento e la sua voce ora sono per Prayan qualcosa di sacro, espressione concreta della sua realtà più profonda. Si accompagna con l'armonium indiano e - suo primo amore - con il pianoforte che ha suonato fin da bambina.

La data di presentazione del CD “The Invitation” che uscirà in digitale il 17 Dicembre ha un alto valore simbolico, in quanto il concerto dal vivo del 16 Dicembre, coinciderà con la vigilia della Festa Sufi “La Notte delle Nozze” quando cioè Rumi lasciò il corpo per ricongiungersi al Divino. Il cd sarà disponibile sulle principali piattaforme digitali e sul sito ufficiale di Prayan (www.prayan.it).

articolo pubblicato il: 14/12/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it