torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"OperaInCanto"

a Terni


OperaInCanto 2015 presenta delle rarità di grande interesse, tra cui Lo scoiattolo in gamba e La scuola di guida di Nino Rota Terni, 11 – 18 dicembre

Il programma dell’edizione 2015 di OperaInCanto si articola, come di consueto, in due produzioni per il Teatro Secci di Terni e il Teatro Sociale di Amelia, entrambe adatte sia al pubblico serale che a quello scolastico. La prima proposta è costituita dal dittico rappresentato dal Lo scoiattolo in gamba e La scuola di guida di Nino Rota, entrambe composte nel 1959 e raramente eseguite. Il dittico verrà presentato a Terni il 14 dicembre per le scuole e il 15 per il pubblico. A queste andrà ad aggiungersi la replica già prevista presso l'Auditorium “Ennio Morricone” dell'Università Tor Vergata di Roma. La seconda produzione sarà Bastiano e Bastiana di Wolfgang Amadeus Mozart.

Lo scoiattolo in gamba nasce da una collaborazione d’eccezione tra Nino Rota e Eduardo de Filippo, Il primo nell’insolita veste di musicista lirico e l’altro in quella di librettista. La storia è la rielaborazione che il grande commediografo napoletano fece di un tema scolastico scritto della figlia Luisa. Il lavoro venne commissionato dal XXII Festival Internazionale del Gran Teatro La Fenice di Venezia per uno spettacolo dal titolo “Giochi e favole per i bambini” che comprendeva pièce di altri autori, tra cui Henze, Porrino e Ghedini, e fu poi trasmesso in televisione. Lo scoiattolo in gamba è rimasto inedito fino alla morte dell’autore ed è stato eseguito assai raramente. L’attuale allestimento di OperaInCanto utilizza la versione per 12 strumenti realizzata da Roberto Gottipavero, su indicazioni ricavate dal manoscritto autografo. Gli interpreti sono Elisa Cenni, Luca Bruno, Dario Ciotoli, Roberto Jachini e Paolo Pernazza. Entrambe le figure, Eduardo de Filippo per il teatro e Nino Rota per la musica, saranno al centro dei percorsi didattici sviluppati con i docenti referenti del progetto OperaScuola, cui la produzione è prioritariamente indirizzata.

Anche La scuola di guida rappresenta una rarità: la breve pièce (anche qui su un testo di un librettista d’eccezione, Mario Soldati) fu infatti data per la prima volta a Spoleto nel 1959 al Festival dei Due Mondi e mai più eseguita fino alla ripresa nel 2010 a Siena. Si tratta di una mini opera vera e propria, commissionata da Menotti stesso a Mario Soldati e Nino Rota: non più di un quarto d’ora di musica ballabile ed orecchiabile in cui un maestro di guida e la sua allieva parlano, si piacciono, si distraggono, finiscono contro un albero e, nello sconquasso, si ritrovano l’uno nelle braccia dell’altra per un lungo e appassionato bacio. Una vera delizia che già ha ottenuto tanto successo nella riproposizione del 2010 alla Settimana Musicale Senese. Gli interpreti sono Elisa Cenni e Roberto Jachini.

La regia di entrambi i titoli è curata da Cesare Scarton, docente presso il progetto OperaStudio dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, dalla quale provengono i solisti che comporranno la compagnia di canto. La parte strumentale è affidata all'Orchestra Roma Sinfonietta, diretta da Fabio Maestri.

La seconda produzione sarà Bastiano e Bastiana di Wolfgang Amadeus Mozart. Il primo Singspiel dell’undicenne enfant-prodige vanta importanti origini letterarie (da Le Devin du village di Jean-Jacques Rousseau). Verso la metà del Settecento la commedia Le devin du village (L’indovino del villaggio) di Jean-Jacques Rousseau era di gran moda in tutta Europa. Nel 1767 Mozart, sul libretto di F.W.Weiskern, J.H.F.Muller, e A. Schachtner ispirato a “Les Amours de Bastien et Bastienne” di M.me de Favart, compose una deliziosa opera in un atto, eseguita per la prima volta nel giardino della villa del medico Anton Mesmer a Vienna. Gli interpreti sono Hersjana Matmuja, Carlo Putelli e Maurizio Leoni, regia di Graziano Sirci, direttore Fabio Maestri. L’esecuzione sarà realizzata da specialisti su strumenti originali, a quel che risulta per la prima volta in Italia, costituendo un alto valore aggiunto all’operazione.

Per le numerose scuole che hanno aderito al progetto sono stati ideati specifici percorsi didattici. L’Associazione InCanto presenta ormai da 27 anni produzioni di grande interesse, nonostante le difficoltà sempre crescenti di reperire fondi e trovare sponsor. Quest’anno l’Associazione ringrazia il Comune di Terni, la Regione Umbria e la Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni che con il loro contributo hanno permesso la presentazione di un programma veramente interessante e unico.

articolo pubblicato il: 09/12/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it