torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Destini Incrociati"

a Pesaro


Sarà Pesaro la sede della seconda tappa di un evento unico in Italia, che raccoglie i risultati della prima edizione della Rassegna Nazionale di Teatro in Carcere organizzata a Firenze (nel giugno 2012), rilanciando un progetto triennale a cura del Teatro Aenigma e del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere. Il progetto prevede la realizzazione di tre nuove edizioni della stessa Rassegna, a Pesaro, Genova e Roma, grazie al sostegno del Ministero dei Beni, Attività Culturali e Turismo, Direzione Generale dello Spettacolo dal Vivo.

Questa II edizione di “Destini Incrociati”, prevede una tre giorni intensa (dall'11 al 13 dicembre) con spettacoli, esiti di laboratorio, video, incontri di approfondimento, conferenze, mostre e convegni dedicata al teatro realizzato in carcere. Un'esperienza, diffusa su tutto il territorio nazionale, che ha dimostrato di "ri-motivare" la vita dei detenuti con un preciso stimolo a partecipare attivamente al processo di riabilitazione, così come è richiesto non solo sul piano etico, ma anche istituzionale. Attraverso il Teatro, coi suoi linguaggi, l'attività di gruppo, l'esperienza estetica, è stato possibile ampliare e moltiplicare le forme di creazione artistica, individuandone la responsabilità sociale, senza dimenticarne il piacere culturale: da qui è nato il teatro in carcere, in una prospettiva positiva e propositiva.

Al centro del programma, che si svilupperà in diversi spazi della città (dalla Casa Circondariale, alla Chiesa della Maddalena e della Santissima Annunziata, allo Scalone Vanvitelliano, fino a Villa Borromeo): 6 spettacoli teatrali, un concerto, una rassegna video, la presentazione di 2 libri, il lancio della nuova collana delle Edizioni Nuove Catarsi, abbinata al lavoro scientifico della Rivista Europea “Catarsi- Teatri delle diversità” (che avverrà in occasione della presentazione istituzionale alla stampa della rassegna giovedì 10 dicembre alle ore 12 nella Sala Rossa del Comune di Pesaro) e un laboratorio sui linguaggi scenici del teatro in carcere, a cura del noto regista e storico del teatro Gianfranco Pedullà.

Di particolare rilievo allo Scalone Vanvitelliano, la mostra Prigionie (in)visibili - il teatro di Samuel Beckett e il mondo contemporaneo dell’artista giapponese Yosuke Taki, gentilmente messa a disposizione dal Dipartimento Cultura di Roma Capitale, Servizio Spazi Culturali. Una mostra che percorre cambiamenti ed elementi costanti nell’approccio alle opere di Beckett, invitando i visitatori a porsi dei quesiti sul rapporto tra il teatro e il mondo, nel periodo a cavallo tra il XX e il XXI secolo.

Da Beckett a Pinter, passando per Caravaggio e Brecht, in scena un "sentire" collettivo che arricchisce e approfondisce l'analisi di nuove progettualità e che vedrà Pesaro ospitare i lavori delle CC di Napoli Poggioreale, Pistoia, Firenze, Livorno e Napoli Secondigliano. Inoltre, un evento comunitario dal testo America, di Kafka, proposto dal regista Francesco Gigliotti, coinvolge cittadini, studenti e detenuti in un progetto educativo inclusivo. Il finale di domenica 13 (ore 17, Chiesa della Santissima Annunziata) è dedicato al Progetto “Passi sospesi” realizzato nella CR femminile di Venezia Giudecca dal regista greco Michalis Traitsis (Balamòs Teatro) dal titolo Cantica delle donne - istantanee per una storia quasi universale.

La rassegna video, in programma nelle mattinate di sabato 12 e domenica 13 a Villa Borromeo, proporrà esperienze da altri istituti penitenziari con alcuni rappresentanti chiamati a descrivere i progetti. In programma 17 produzioni video, oltre ad una sezione di 9 “Corti”, selezionati tra oltre 50 proposte pervenute da 14 Regioni italiane differenti. Saranno proiettati filmati di significative esperienze sviluppate negli Istituti penitenziari di Lecce, Milano Bollate, Milano Opera, Genova Marassi, Genova Pontedecimo, Prato, Roma Rebibbia, Padova, Spoleto, Saluzzo, Ascoli, Ancona, Fossombrone, Pesaro, Cassino, Modena, Ferrara, Parma, Forlì, Benevento, Civitavecchia, Empoli, Latina, Rovigo e Chiavari. A questo si aggiunge il laboratorio di educazione alla visione, dal titolo Sguardi e Visioni, curato da Agita, proposto per la formazione dello spettatore: importante è anche lo sguardo di comprensione e condivisione di ciò che avviene sulla scena. Tra gli enti promotori figura infatti anche l’A.N.C.T., Associazione Nazionale dei Critici di Teatro e l’Università Roma Tre.

Dal punto di vista editoriale due gli appuntamenti di spicco con la presentazione di due volumi, a cura di Peter Kammerer (Università di Urbino), sabato 12 dicembre alle ore 17 a Villa Borromeo. Dalla Città Dolente, Colpa, Pena Liberazione attraverso le visioni dell’Inferno di Dante, di Fabio Cavalli, è il primo libro cartaceo di una collana che si propone di lasciare una traccia non soltanto immateriale (tale è la rappresentazione teatrale) del lavoro artistico che si svolge a Rebibbia N.C., traendo spunto dallo spettacolo omonimo. Gli occhi di Eleonora, romanzo/opera prima di Vincenzo Lerario, è l’originale testo letterario che ha concorso alla realizzazione dello spettacolo teatrale Davanti alla legge (marzo 2015) della Compagnia Lo Spacco nella Casa Circondariale di Pesaro, prima tappa del “Progetto Kafka”, a cura del Teatro Aenigma, con il coinvolgimento degli allievi della Scuola Galilei di Villa Fastiggi.

Il programma è a cura del Teatro Aenigma - organismo diretto da Vito Minoia all’Università di Urbino - e del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Studi Penitenziari/Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria. L'immagine della Rassegna è uno scatto di documentazione dello spettacolo "Tutto quello che rimane" di Tam Teatromusica di Padova, ideazione e regia di Michele Sambin, 2012. Lo spettacolo era stato prodotto e presentato in prima assoluta per la Prima edizione della Rassegna "Destini Incrociati" (Teatro delle Arti, Lastra a Signa, 23 giugno 2012). La Foto è di Matteo Bertelli.

Programma completo su www.teatrocarcere.it E-mail: info.aenigma@gmail.com Mostra Prigionie (in)visibili presso lo Scalone Vanvitelliano: ingresso libero con Card Pesaro Cult / apertura mostra dal 7 al 13 dicembre, dalle ore 16.30 alle 19.30 / info 392 3841677 Spettacoli presso la Casa Circondariale: ingresso riservato / info 333 6564375 Spettacoli presso la Chiesa della Maddalena e Chiesa dell’Annunziata: ingresso libero con voucher da ritirare presso lo Scalone Vanvitelliano durante gli orari di apertura della mostra dal 7 al 13 dicembre, dalle ore 16.30 alle 19.30 / info 392 3841677 Laboratori e rassegna video presso Villa Borromeo: info 340 6045421

articolo pubblicato il: 07/12/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it