torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

il cinema di caino
"Darkside Witches" (2015)
di Gordiano Lupi

Darkside Witches (2015), l’horror stregonesco diretto da Gerard Diefenthal, vede protagonista l’icona indiscussa del cinema italiano anni Settanta Barbara Bouchet. Presentato in anteprima al Fantafestival di Roma di quest’anno, Darkside Witches ha subito fatto parlare di sé. Ma se critica e pubblico si sono divisi in merito all’opera prima del francese Diefenthal, su tutti a prendere le distanze dal prodotto in questione è stata proprio l’attrice principale. Barbara Bouchet già in conferenza stampa ha rivelato il suo scarso interesse nei confronti del genere horror, ma da quel momento l’attrice ha assunto una posizione di ferro nei riguardi della sua immagine. La casa di produzione non ha potuto più fare affidamento sulla sua presenza per la promozione del film, cosa che ha causato non pochi problemi con la stampa e il marketing legato al titolo stregonesco.

E’ notizia di poche ore fa l’ammissione da parte di Barbara Bouchet di non voler promuovere in alcun modo un film così violento e accusato dalla censura persino di blasfemia. Il regista Gerard Diefenthal ha dichiarato che a contrariare l’attrice è stata soprattutto la presenza di numerose sequenze di sesso esplicito. “Ha visto il film in fase di doppiaggio, ma non ha mai espresso un simile dissenso”, dichiara Diefenthal. “Ma Barbara Bouchet è contraria alla violenza di ogni tipo. E’ successo anche con Quentin Tarantino che l’ha fortemente voluta in un suo film”.

In merito al divieto di visione per i minori di 18 anni imposto al film dalla censura con la seguente voce “divieto ai minori degli anni diciotto per la violenza gratuita, per l’efferatezza delle scene di sesso violentemente esplicite e per la blasfemia…”, il regista ribatte: “E’ assurdo che ancora oggi, in Italia, un film come Darkside venga vietato a causa di qualche scena spinta. Molti altri film di genere vengono filtrati senza alcun divieto, eppure sono molto più cruenti del mio.” Nel frattempo è in corso un’azione legale per la posizione assunta dall’attrice della quale vi forniremo quanto prima ulteriori aggiornamenti.
www.infol.it/lupi

articolo pubblicato il: 03/12/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it